'Ci è mancato il coraggio di osare in superiorità numerica'. Bollini non usa giri di parole nel dopo partita di Salernitana-Frosinone. Il tecnico granata è rammaricato per non aver sfruttato a dovere il vantaggio dell'uomo in più. 'Serviva più concretezza negli ultimi trenta metri'. Delusione anche in casa ciociara con Longo che ha sottolineato che la sua squadra avrebbe meritato i tre punti. 'Abbiamo fatto noi la partita e pareggiato in dieci uomini'. La Salernitana torna sulla terra dopo l'impresa di Avellino e non va oltre il pari, pur giocando in superiorità numerica contro un Frosinone, rimaneggiato.

Rispetto alle previsioni della vigilia Bollini affida le chiavi del centrocampo al redivivo Signorelli e concede un turno di riposo a Odjer. Ricci scende in campo al posto dello squalificato Minala. Dall'altra parte Longo è costretto a fare a meno in extremis di Dionisi costretto a lasciare il ritiro per la morte della mamma. Il Frosinone fa la partita nel primo tempo e in un paio di circostanze sfiora il gol del vantaggio. Le occasioni più clamorose capitano sui piedi di Ciofani e Ciano dopo il primo squillo di Crivello.

Brighenti espulso, Bocalon spreca

Il bomber gialloblu si gira bene in area di rigore ma la sua conclusione fa la barba al palo e si spegne sul fondo. L'attaccante ci prova anche di testa ma non inquadra la porta di Radunovic.

Al 31' gli ospiti sfiorano il gol del vantaggio con una magistrale punizione di Ciano. La Salernitana soffre ma trova il gol del vantaggio nel finale di tempo: Schiavi si avventa sul tiro cross di Sprocati e realizza il suo secondo gol stagionale. In avvio di ripresa buona chance per Sprocati su assist di Vitale: la conclusione è respinta dalla difesa del Frosinone.

Svolta della partita al 10' con Nicolò Brighenti, alla prima da titolare, che entra duro su Sprocati e incassa il secondo giallo e la conseguente espulsione. Al 16' granata vicinissimi al raddoppio con Bardi che respinge un colpo di testa ravvicinato di Bocalon. Sulla respinta la conclusione di Ricci termina a lato. Con l'uomo in più Bollini decide di dare più dinamismo al reparto nevralgico con l'ingresso di Odjer per il compassato Signorelli.

Al 27' Longo perde anche Majello per infortunio: in campo Gori.

Crivello, gol e dedica per Dionisi

Due minuti dopo grande chance per il salernitano Citro che a tu per tu con Radunovic non riesce a trovare il tempo per battere a rete. Un minuto dopo arriva il rocambolesco pareggio di Crivello che sfrutta un convulso batti e ribatti in area e supera il portiere granata. Il centrocampista ciociaro dedica il gol a Federico Dionisi. Bollini corre ai ripari e tira fuori un evanescente Bocalon per il giovane Rossi. Nel finale Bollini si gioca la carta Cicerelli al posto dello spento Rosina. Al 44' grande chance per Matarese che su assist di Ciofani non riesce ad inquadrare la porta granata. Nel finale non succede più nulla e i granata rimediano un pari che non permette alla squadra di compiere l'auspicato salto di qualità.

Da segnalare che Mattia Sprocati, autore di un brillante avvio di stagione, nelle ultime ore è stato accostato alla lazio di patron Lotito. Gli ospiti hanno dedicato il risultato a Federico Dionisi.