Come direbbero gli antichi romani: "Dura Lex, Sed Lex". La sconfitta nel doppio confronto con la Svezia e la conseguente esclusione dai mondiali di Russia, è per il blasone sella nostra Nazionale, inaccettabile.

Nella storia dei mondiali solo due volte l'Italia era mancata all'appello: nel 1930 in Uruguay, ma era una questione di soldi e non di risultati sfavorevoli, e nel 1958 in Svezia (eliminazione nel gironcino di qualificazione con Irlanda del Nord e Portogallo).

Piovono critiche: intervengono anche Lotti e Malagò

All'indomani dell'eliminazione dai tifosi arrivano critiche verso ct e federazione, considerati incapaci di gestire un momento così delicato del nostro calcio, e inadatti a svolgere i ruoli affidatigli.

Il maggior colpevole, secondo la critica, è ovviamente Giampiero Ventura, reo di non aver saputo gestire un gruppo, a detta di tutti, qualitativamente molto superiore a quello che solo un'anno fa usciva ai rigori, ai quarti di un europeo contro i campioni del mondo della Germania.

Oltre che con Ventura, i tifosi se la prendono anche con Carlo Tavecchio, presidente della Federcalcio. Per la verità, con Tavecchio è stato odio a prima vista. Già dai primi mesi di presidenza FIGC, il politico milanese aveva fatto parlare di sé per le dichiarazioni molto infelici a sfondo sessista e razzista. Pareri illustri sulla questione arrivano dal ministro dello sport Luca Lotti e dal presidente del Coni Giovanni Malagò.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Mondiali Russia 2018

"Dimissioni? Spetta a Tavecchio decidere.[...] Il mondo del calcio va riformato.": i pensieri del ministro, che resta super partes e dà un'analisi tecnica della situazione. "Fossi in Tavecchio mi dimetterei.": dure le parole del presidente del Coni, che considera inaccettabile l'esclusione dai mondiali, facendo il confronto con l'altro precedente storico, quello del 1958.

Aspettiamo con ansia le risposte di presidente e ct su tutte le critiche piovute in questi giorni.

Nel frattempo si fanno già i nomi dei possibili sostituti. Tra i nomi caldi per il ruolo di commissario tecnico c'è, ovviamente, quello di Carlo Ancelotti (fresco di esonero dal Bayern Monaco) insieme a Roberto Mancini, ma quest'ultimo per inimicizie col presidente della Lazio Claudio Lotito, presenza ingombrante in federazione, sarebbe restio ad accettare, a meno di un cambio dei ruoli nei piani alti della FIGC.

C'è quindi bisogno di qualcuno che prenda in mano e per mano il nostro calcio, e che, con un valido progetto lungimirante, riporti l'Italia lì dove deve stare di diritto: sulla vetta del mondo.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto