Dopo una settimana di sosta torna la Serie A per dare vita alla ventunesima giornata che sarà aperta dalla sfida di livello internazionale tra Atalanta e Napoli, domenica 21 gennaio alle 12.30. Una trasferta quanto mai scorbutica per la capolista contro una Dea che prima della sosta ha fatto cose grandissime battendo lo stesso Napoli al San Paolo in Coppa Italia e poi la Roma all’Olimpico nell’ultimo turno di campionato prima della sosta.

L’Atalanta vanta, inoltre, una tradizione casalinga molto favorevole contro gli azzurri partenopei, ma il Napoli deve vincere per mantenere almeno inalterato il +1 sulla Juventus.

Si profila un grande match allo stadio Atleti Azzurri d'Italia, andiamo a leggere le ultime sulle formazioni.

Le formazioni, dubbio Hamsik

Ad eccezione dello squalificato De Roon, Gasperini sarà con la rosa al completo. In attacco ballottaggio Cornelius-Petagna per una maglia al fianco di Gomez.

Nel Napoli il grande dubbio resta la presenza del febbricitante Hamsik: lo slovacco ha saltato gli ultimi allenamenti ma non è escluso il recupero in extremis, è comunque pronto Zielinski. Sarri è inoltre ancora privo degli infortunati Ghoulam e Milik.

Le probabili formazioni:

Atalanta (3-4-1-2): Berisha; Toloi, Caldara, Masiello; Hateboer, Cristante, Freuler, Spinazzola; Ilicic; Cornelius, Gomez. All.: Gasperini.

Napoli (4-3-3): Reina; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Mario Rui; Allan, Jorginho, Zielinski; Callejon, Mertens, Insigne. All.: Sarri.

Statistiche Atalanta-Napoli

Detto dell’attualità ricordiamo ora qualche numero della storia di questa partita, con particolare riferimento alle sfide disputata con l’Atalanta padrona di casa. Il lunch match di domenica sarà la 94esima partita di Serie tra i due club, con un bilancio generale dei precedenti che vede avanti il Napoli 41 a 25 con 27 pareggi.

Nelle 46 sfide fin qui giocate a Bergamo, invece, è in vantaggio l’Atalanta con 20 vittorie e 18 pareggi a fronte degli 8 successi portati a casa nel tempo dagli ospiti, ultimo dei quali nel 2015 (1-3).

La prima sfida in Serie A con i bergamaschi padroni di casa risale alla stagione 1937/38 e l’Atalanta vinse 2-0 grazie a una doppietta di Giuseppe Bonomi.

Dovranno passare altri quattordici anni per vedere la prima vittoria dei viaggianti, nel 1952, con il punteggio di 2-4 poi ripetuto nel campionato 1957/58, che rappresentano la vittoria con il margine più ampio del Napoli sul campo dell’Atalanta. Mentre il successo più ‘vistoso’ dei locali contro i partenopei è stato un 5-1 risalente al 1941 e poi bissato nel 2007. Le due squadre si sono inoltre affrontate anche in Coppa Italia e nel 1987 sono state protagoniste della finale, con il Napoli di Maradona che accoppiò la coppa allo scudetto appena vinto.

I precedenti recenti

Concludendo con dati più vicini al presente ricordiamo che all’andata si è imposto il Napoli per 3-1 e meno di venti giorni fa i neroazzurri hanno invece espugnato il San Paolo per 2-1 nei quarti di Tim Cup.

Mentre la passata stagione in campionato fu doppia vittoria dei bergamaschi: 2-0 in trasferta e poi 1-0 in casa con gol di Petagna nell’ultimo confronto in assoluto giocato a Bergamo.