In serie B, l’Empoli batte per 2-1 la Virtus Entella e si porta in testa alla classifica, approfittando della sconfitta del Frosinone a Palermo. Nell'altra gara di ieri, la Salernitana si aggiudica il derby contro l'Avellino e sale in classifica a 37 punti agganciando il Foggia, mentre gli irpini si fermano a 34 punti al limite della zona play out. Oggi, 12 marzo, con Novara-Brescia si chiude la 30a giornata del torneo cadetto che deve però recuperare alcune gare per la neve e per la scomparsa del povero Astori.

Due calciatori dell'Ascoli presi a schiaffi e pugni

Ma il fatto del giorno è ancora una volta figlio della cronaca nera, in quanto la squadra dell'Ascoli [VIDEO], al rientro dalla trasferta di Venezia, è stata fatta oggetto di insulti, minacce e purtroppo di aggressioni fisiche.

A farne le spese due calciatori, il portiere Venditti e il centrocampista Parlati, che dopo essere stati avvicinati da alcuni tifosi a volto coperto hanno subito un'aggressione fisica con schiaffi e pugni. L'episodio è avvenuto in pieno centro storico, nella città marchigiana, nei pressi delle abitazioni dei giocatori.

Una decina di ultras con il volto coperto da sciarpe hanno atteso che i calciatori rientrassero nelle loro abitazioni per mettere in atto la loro vile aggressione, ha commentato il presidente dell'Ascoli Francesco Bellini. Lo stesso dirigente ha sottolineato che gli ultrà [VIDEO] vogliono continuare a intimidire anche con azioni di violenza fisica e verbale i tesserati ascolani. Bellini ha rassicurato la parte sana della tifoseria ascolana che i calciatori saranno tutelati con tutti i mezzi e, al contempo, ha manifestato la sua profonda "indignazione, sconcerto e disprezzo" per quanto accaduto.

L'Ascoli è in piena lotta per non retrocedere e questi fatti certamente contribuiscono a destabilizzare l'ambiente allontanando l'obiettivo della salvezza. Naturalmente, il club ha presentato una querela agli organi preposti aggiungendo che già da tempo ad Ascoli si vive in un clima intimidatorio con minacce più volte manifestate dagli ultras.

Presidente: 'Clima esasperato dai social network'

Lo stesso clima - ha aggiunto il massimo dirigente - è fortemente alimentato fino all'esasperazione dai commenti sui social network che certamente contribuiscono a fomentare questo stato di violenza.. L'episodio è stato duramente condannato anche dalla Lega di Serie B che ha espresso tutta sua vicinanza e solidarietà al club marchigiano. Una dichiarazione di scuse alla tifoseria è arrivata dal ds Enzo De Vito che ha assicurato per le prossime gare tutto l'impegno della squadra per ritrovare il clima giusto e rispondere con i fatti, a cominciare dalla prossima gara contro il Pescara.