Metà nazione è rimasta delusa dalle recenti performance sportive dalla famosa squadra di calcio torinese, la Juventus che ha perso con il Real Madrid ben 0-3 giocando pure in casa, una sconfitta che offusca il sogno della Champions League, il trofeo più ambito d’Europa. A mettere la firma sul risultato c’è la leggendaria stella della squadra spagnola Cristiano Ronaldo autore dei primi due gol e dell’assist che ha permesso al compagno di squadra Marcelo di chiudere la partita. “Un giocatore di un altro pianeta” come recitano i giornali spagnoli ed italiani, un fuoriclasse senza paragoni, Ronaldo in campo è più di un uomo: è il migliore, un’icona per la sua squadra e un faro illuminante per i suoi compagni di squadra; ma la strada per diventare il numero uno non è facile, e quindi andiamo a focalizzarci sul “dietro le quinte” del mitico CR7, cerchiando di capire la psiche del campione.

Le tentazioni e le debolezze sono per altri

Ronaldo è da sempre stato considerato da tutti uno dei giocatori più forti del calcio moderno, fin dalle giovanili gli furono puntati addosso i riflettori etichettandolo come un fenomeno: la pressione psicologica che venne esercitata su quel giovanissimo giocatore portoghese avrebbe fatto crollare molti. È infatti giusto ricordare quanto le persone alterino le proprie prestazioni (sportive, logiche, mentali) quando si sentono osservati, questo processo prende il nome di desiderabilità sociale: l’alterazione che spesso viene accompagnata dallo stress, generando ansia da prestazione e influendo negativamente sulle abilità della persona.

Per non subire influenze negative è necessario avere grandi fiducia nei propri mezzi e un’enorme consapevolezza di essere destinato a grandi cose, caratteriste non propriamente tipiche di un teenager o di un giovane adulto sotto pressione. Ronaldo ha sempre avuto tutti questi talenti, a anche grazie a questi è riuscito a diventare il campione che tutti si aspettavano.

Un leader sia in campo che fuori

Crescere e diventare il migliore non è sufficiente a fare di Ronaldo il più forte giocatore di sempre, sopra addirittura ai leggendari Pelé, Messi e Maradona; infatti il talento come giocatore non è sufficiente, sono necessarie altre doti psicologiche per potere fare la differenza tra i migliori. Tra queste sono fondamentali la leadership e la dedizione al lavoro. Esistono decine di aneddoti legati alla dedizione al lavoro e alla leadership di Ronaldo, oggi noi ci limitiamo solo a ricordarne l’efficacia: in quanto icone, vip e milionari, spesso i calciatori si trovano a sottovalutare il loro dovere, annebbiati dalla ricchezza e dalla fama che li induce a sedersi sugli allori: resistere a queste tentazioni non è cosa da poco, la dedizione al lavoro è fondamentale per forgiare un campione come Ronaldo.

Tuttavia, è la leadership che colpisce quando lo si osserva: per definizione essa è lo stimolo da parte di un gruppo nel seguire un capo eletto o autoeletto, che grazie alle sue abilità superiori porti il gruppo verso un obbiettivo. È da notare tuttavia che non tutti sono in grado di condurre un gruppo all’obiettivo, la leadership è una caratteristica che deve anche venire da dentro, dobbiamo essere predisposti ad essa perché non tutti possono fare i leader. Tutte queste restrizioni non hanno impedito al portoghese di diventare il campione che sta dimostrando di essere.

Segui la pagina Curiosità
Segui
Segui la pagina Champions League
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!