La formazione della Juventus nella stagione 2018-2019 racconta solo in parte quanto i bianconeri abbiano le carte in regola per vincere il loro ottavo titolo consecutivo. Massimiliano Allegri ha a disposizione una rosa che gli permette di giocare in quattordici. Si, perché l'allenatore livornese è conscio del fatto che ogni sfida va preparata nella prospettiva che dura novanta minuti, immaginando quelle che possono essere le situazione favorevoli o sfavorevoli.

All'interno della sua rosa ha calciatori che, a gara in corso, possono tranquillamente generare qualsiasi atteggiamento tattico. Elementi che, senza alterare l'equilibrio della formazione, spostano eventuali equilibri che le altre squadre riescono a creare, pur avendo una cifra tecnica superiore. A dare la misura di questo c'è il fatto che i bianconeri hanno praticamente due squadre di alto livello.

Alzi, a voler essere onesti, si corre il rischio che calciatori come Marchisio trovino pochissimo spazio. Lo storico centrocampista juventino oggi è chiuso da elementi del calibro di Khedira, Emre Can, Pjanic, Matuidi e Betancur. Per trovare posto dovrà sudare. Chi, invece, non rappresenta un titolare inamovibile, ma risulta essere un elemento fondamentale nell'economia delle idee di Allegri è il colombiano Cuadrado.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Juventus

Con Cuadrado a gara in corso

Più volte nella passata stagione il colombiano è riuscito a mettere piede in campo quando la gara era già iniziata. E' un elemento che trova facilmente il ritmo gara ed entrando più fresco rispetto agli altri, riesce a rendere la vita molto difficile agli avversari. Oggi, inutile negarlo, la Juventus ha una formazione tipo e l'ex Chelsea e Fiorentina rappresenta il il prototipo del calciatore che entra a gara in corso e cambia le cose.

Immaginando ad esempio una Juventus schierata con il 4-3-2-1 si avrebbe questo tipo di undici:

  • Scczesny; Cancelo, Benatia, Chiellini, Alex Sandro; Emre Can, Pjanic, Khedira; Douglas Costa, Dybala; Higuain.

Cuadrado darebbe la possibilità di cambiare in un batti baleno lo schieramento tattico. Qualora, ad esempio, si scegliesse di rimpiazzare Emre Can con il colombiano, si passerebbe senza troppi problemi ad un 4-2-3-1 con un tris d'assi alle spalle della punta che, per ora, è Higuain, ma c'è chi si augura possa essere Cristiano Ronaldo.

Formazione Juventus: nuovi elementi per giocare in 14

La Juventus da quest'anno avrà una scelta ancora più ampia. Immaginando, ad esempio, di voler cambiare ulteriormente modulo sarebbe sufficiente ripartire dall'undici con Cuadrado. Allegri ora ha a disposizione anche Spinazzola. E a passare al 4-4-2 basta un attimo, giusto il tempo di sostituire Douglas Costa con uno degli ultimi arrivati. Caratteristiche diverse, ma a seconda dei momenti le esigenze potrebbero cambiare.

Tutte mosse che, eventualmente, potrebbero essere anche invertite scegliendo di partire, ad esempio, con Cuadrado e Spinazzola in campo. Avere poi giocatori eclettici come Cancelo consente ulteriore imprevedibilità e capacità di cambiare in corso. Mai come quest'anno, dunque, la Juve punta a vincere le partite in 14, cambi compresi.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto