Si sa che nel calcio può succedere davvero di tutto, ma quanto accaduto domenica scorsa durante la partita in cui era impegnato il Gropparello, una squadra che milita in terza categoria nella provincia di Piacenza, ha davvero dell'incredibile. Infatti, secondo quanto si legge nel comunicato del Giudice Sportivo, la società in questione è stata multata con un'ammenda di 75 euro, proprio perché un suo giocatore in campo si è comportato in maniera a dir poco scorretta.

Secondo quanto riporta la stampa locale, un atleta della società, che era seduto in panchina, forse stanco di dover attendere il suo ingresso nel campo di gioco, ha pensato bene di recarsi al bar più vicino e consumare alcune bevande alcoliche, poi è tornato tranquillamente in campo visibilmente ubriaco. Purtroppo per lui il direttore di gara si è accorto di tutto, e dopo averlo espulso, gli ha comminato ben 5 turni di squalifica.

Tornato dal bar è stato beccato a fumare in panchina

L'arbitro si è accorto di quanto aveva commesso il giocatore, perché lo stesso, di cui ovviamente non riportiamo le generalità per questioni di privacy, una volta tornato in panchina sarebbe stato anche beccato a fumare. Un gesto quest'ultimo assolutamente vietato su un campo sportivo, ma tant'è. Il direttore di gara ha sonoramente richiamato l'atleta, che stava ovviamente compiendo un gesto poco consono al luogo in cui si trovava, e poi si è accorto che aveva alzato il gomito con il consumo di alcol.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Curiosità

Per cui nel referto di fine gara l'arbitro ha scritto che il giocatore era visibilmente ubriaco. La società del Gropparello è stata multata perché non avrebbe vigilato sull'operato del giocatore.

Il giudice sportivo: 'Comportamento privo di etica'

Per il giudice sportivo quindi, il comportamento posto in essere dal soggetto in questione è assolutamente "privo di etica", così si legge nel comunicato diramato oggi.

Un verdetto quindi pesante sia per la società, che per il giocatore. Certamente nessuno si aspettava di assistere ad una vicenda così rocambolesca, che è diventata immediatamente virale ed è finita sui principali media locali. Non capita tutti i giorni infatti che un calciatore lasci il campo di gioco per recarsi al bar e bere qualcosa. Sicuramente nei prossimi giorni si potranno conoscere ulteriori particolari su questa curiosa vicenda.

Inoltre, sempre secondo quanto riporta il comunicato diramato dalla Federazione Giuoco Calcio di Piacenza, il calciatore avrebbe anche sostato nei pressi della panchina avversaria, un gesto che è assolutamente vietato in ogni campionato sportivo di qualsiasi categoria, sia esso dilettantistico o professionale.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto