Ora la corsa scudetto nel campionato di Serie A entra realmente nel vivo e ha una favorita ben precisa: l'Inter di Antonio Conte. Dopo la vittoria per 3-0 nel derby per la vetta giocato contro il Milan, i nerazzurri hanno allungato il loro vantaggio in classifica, volando a quattro punti di vantaggio proprio sul Diavolo, che aveva sorprendentemente condotto le danze fino alla ventunesima giornata compresa. Adesso il calendario sembra venire in soccorso agli uomini di Antonio Conte, che provengono da un periodo in cui, tra la diciassettesima e la ventitreesima giornata, hanno giocato per quattro big match: a Roma contro i giallorossi (2-2), in casa contro la Juventus (2-0), sempre a San Siro contro la Lazio (3-1) e infine la stracittadina al cospetto del Milan (3-0).

L'Inter ha conquistato ben dieci dei dodici punti in palio in queste gare, sorpassando così i rivali cittadini in testa alla graduatoria e lanciandosi da primatista nella corsa scudetto. Fondamentale può essere il fatto che fino a metà maggio, quando si giocherà la diciassettesima giornata di ritorno, la Beneamata dovrà cimentarsi in soli due scontri diretti.

Tredici giornate per la fuga: ora l'Inter deve sprintare verso il titolo

L'obiettivo dei nerazzurri deve essere dunque quello di arrivare ai difficili impegni contro Roma e Juventus, terzultima e penultima giornata, con la corsa scudetto quasi decisa, se non decisa del tutto. Per questo le prossime tredici giornate sono fondamentali. Conte ha già puntano il mirino sui prossimi impegni contro Genoa e Parma.

In particolare quella contro i rossoblù può essere una partita vitale, considerato che nella stessa giornata Roma e Milan si incontrano, mentre la Juventus affronterà un ostico impegno a Verona. Dopo Parma, arriva una delle due insidie dell'Inter da qui alla trentaseiesima giornata: l'Atalanta a San Siro.

Dopo l'impegnativo scontro con i bergamaschi arriva il periodo più favorevole nel calendario dell'Inter alla corsa scudetto, almeno sulla carta.

Torino, Sassuolo, Bologna, Cagliari, Napoli, Spezia, Verona e Crotone hanno portato una striscia di otto vittorie consecutive nel girone di andata. L'incognita più grossa risiede ovviamente al centro di questo filotto, ovvero nella partita del Diego Armando Maradona contro il Napoli, squadra altalenante ma sempre pronta a grandi colpi. In questi tredici turni, sbagliando il meno possibile con chi non si chiami Atalanta o Napoli, l'Inter potrebbe cucirsi buona parte dello scudetto sul petto.

Milan, Roma e Juventus: si prospetta un duro inseguimento per lo scudetto

Infatti non si preannuncia affatto semplice il tentativo di rimonta delle tre inseguitrici più immediate nella corsa scudetto. Come detto, Roma e Milan si troveranno l'una contro l'altra già alla quinta giornata di ritorno, in un match che potrebbe allontanare ulteriormente dal primato almeno una delle due. Nel periodo considerato, ovvero le prossime tredici giornate, il Diavolo, oltre che con i giallorossi, incrocerà le armi anche con Napoli, Lazio e Juventus, portando a quattro il numero di big match da giocare.

Hanno uno scontro diretto in meno i giallorossi, che prima di andare a far visita all'Inter incontreranno solo Napoli e Atalanta, con la difficoltà aggiuntiva, però, di essere già a meno nove.

Nel medesimo spezzone di calendario la Juventus troverà sul proprio percorso Lazio, Atalanta e Milan. I bianconeri, a onor del vero, hanno anche una partita da recuperare: trattasi però del big match della terza giornata contro il Napoli, per cui ancora non è stata fissata una data. A chi insegue serve dunque un percorso al limite della perfezione, se l'Inter sarà quella ammirata nelle ultime giornate.

Segui la pagina Serie A
Segui
Segui la pagina Inter
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!