Domenica 10 ottobre, alle ore 15:00 su Rai Uno, andrà in onda la partita tra l'Italia di Roberto Mancini e il Belgio di Martinez. Il match vede affrontare le due squadre deluse della Nations League, che giocheranno la cosiddetta finalina valevole per il terzo e quarto posto. Gli azzurri hanno perso la semifinale contro la Spagna, mentre la squadra di Lukaku ha ottenuto la sconfitta contro la Francia. L'ultimo incontro che ha visto opporsi Italia e Belgio si è giocato agli Europei dello scorso giugno: all'epoca il match era un quarto di finale e ha visto trionfare gli azzurri per 2 a 1.

Mancini cambierà ben sette giocatori rispetto alle seconde linee

Roberto Mancini approfitterà dell'incontro per dare spazio a dei giocatori che hanno trovato poco spazio negli ultimi mesi. In particolare, rispetto alla semifinale persa contro la Spagna, il commissario tecnico dovrebbe effettuare ben sette cambi di formazione. Il modulo sarà il consueto 4-3-3, con Donnarumma (fischiato nello scorso match a San Siro) stabilmente titolare. In difesa una vera e propria rivoluzione attenderà il nostro schieramento: giocheranno infatti Calabria, Acerbi e Dimarco, oltre al confermato Bastoni (già titolare nel match contro le Furie Rosse). A centrocampo avranno una chance dal primo minuto Locatelli e Pellegrini, con Barella stabilmente titolare.

In attacco non si cambia Chiesa, tra i più positivi anche nell'ultimo match: insieme a lui giocheranno Kean e Raspadori.

Probabile formazione Italia (4-3-3): Donnarumma, Calabria-Acerbi-Bastoni-Dimarco, Barella-Locatelli-Pellegrini, Chiesa-Kean-Raspadori.

De Bruyne, Lukaku e Hazard guideranno l'attacco del Belgio

Gli ospiti cercheranno il riscatto dopo il capitombolo contro la Francia e per farlo si affideranno come di consueto a Romelu Lukaku, già autore di una rete (poi rivelatasi inutile) nella semifinale poi persa per 3 a 2.

L'attaccante ex Inter, infatti, non riposerà e sarà regolarmente in campo dall'inizio per cercare di trascinare i suoi. Il modulo scelto dal C.T Martinez è il 3-4-3, con Courtois (che negli scorsi giorni ha criticato la formula della Nations League) titolare a difendere la propria porta. Il tridente difensivo sarà composto da Vertonghen, Denayer e Alderweireld.

Castagne e Carrasco (in gol nell'ultima sfida) gli esterni di centrocampo, mentre i due centrali saranno Vanaken e Witsel. Pericolosissimo il tridente offensivo, composto da Kevin De Bruyne, dal già citato Lukaku e da Hazard.

Probabile formazione Belgio (3-4-3): Courtois, Vertonghen-Denayer-Alderweireld, Castagne-Vanaken-Witsel-Carrasco, De Bruyne-Lukaku-Hazard.