Durante il programma "Fuori di Juve" su Radio Bianconera, nelle scorse ore l'ex portiere Michelangelo Rampulla ha parlato della situazione attuale della Juventus e del possibile futuro dell'allenatore Massimiliano Allegri.

Le parole di Rampulla sulla gestione Allegri in bianconero

Innanzitutto Michelangelo Rampulla ha parlato del possibile cambio di modulo da parte della Juventus, con l'adozione del tridente nel settore avanzato per la prossima sfida contro il Frosinone: "Credo che non c'è nessuno meglio di Allegri per capire com'è la situazione, sa cosa possono dare i suoi calciatori.

A me piace molto giocare con le tre punte, poi bisogna avere gli uomini adatti per questo tipo di gioco".

L'ex portiere ha poi sottolineato: "In questo momento la Juventus ha bisogno di fare prestazioni più convincenti. Tranne le ultime 3-4 partite ha comunque fatto un ottimo campionato. (...) La Juve è pragmatica, sta facendo con gli uomini a disposizione un grande campionato".

Più in generale Rampulla ha affermato: "Bisogna dare tempo di costruirsi e la Juve è molto giovane. Ci vuole tempo e mi terrei Allegri. In caso si addio chi può essere meglio di Allegri? Non lo so proprio. Non credo che neanche la Juve voglia cambiare. Oggi non vedo una figura carismatica che possa prendere il suo posto sulla panchina bianconera".

La carriera professionale di Michelangelo Rampulla

Michelangelo Rampulla è stato il secondo portiere della Juventus per dieci stagioni. Dopo aver giocato nella Pattese e nel Varese, si era trasferito prima al Cesena e poi alla Cremonese: proprio con i grigiorossi era diventato il primo portiere della storia a realizzare un gol su azione nel campionato italiano di Serie A (nella stagione 1991-1992, in una gara contro l'Atalanta).

Nell' estate del 1992, all'età di 30 anni, aveva poi iniziato la sua esperienza professionale alla Juventus, facendo il secondo prima di Angelo Peruzzi e poi di Edwin van der Sar.

Nella sua esperienza nella società bianconera ha vinto quattro campionati italiani, due Supercoppe italiane, una Coppa Italia, una Coppa Intertoto, una Coppa Uefa, una Supercoppa europea, una Coppa Intercontinentale e una Champions League.

In seguito ha lavorato come allenatore dei portieri alla Juventus, al Derthona, al Guangzhou, nella nazionale della Cina, fino al ritorno in Italia al Siena e successivamente alla Salernitana.