La Francia è sconvolta dal caso della piccola Fiona, labambina di cinque anni scomparsa in un parco pubblico di Clermont-Ferrand, a160 chilometri ad ovest di Lione, di cui la madre Cécile Bud ha finalmente confessato l'omicidio.

La bimba sarebbe stata uccisa tra l'11 e il 12maggio scorsi dalla brutale violenza del suo compagno, Berkane Makhlouf , che ha picchiato selvaggiamente fino alla morte la piccina.

A maggio la madre aveva denunciato alle autoritàla scomparsa della bambina, asserendo di essersi addormentata insieme a Fiona ela sorellina in Montjuzet Park, sulle alture della capitale di Auvergne, dopoaver giocato nel parco e non rinvenendo la bambina al risveglio.

La madre era all'epocaincinta di sei mesi di un bambino che ha dato alla luce durante l'estate,facendo sì che la Polizia francese, dopo settimane di scrupolose indagini,decidesse di provvedere al suo fermo solo dopo un mese dalla nascita delpiccolo.

La coppia è stata fermata a Perpignan, dove si era infattitrasferita, e dove diversi testimoni hanno affermato di aver visto BerkaneMakhlouf procurarsi dosi di eroina.

Inizialmente le indagini si erano concentrate sull'entouragedella madre, tra cui un 34enne algerino contro il quale aveva presentato unadenuncia un anno prima per "stupro e sequestro di persona." CécileBud è stato sentito ai primi di settembre in questo caso come parte civile nelClermont, ma presto le autorità hanno determinato trattarsi di una vicendacompletamente separata.

Insieme alla coppia sono state fermate altre tre persone chepare siano state presenti a sera del massacro della piccola Fiona, il cui padreNicolas Chafoulais aveva dichiarato proprio il giorno prima "Spero divedere mia figlia in giro", quando ancora non era nota la confessionedella sua ex compagna.

L'avvocato del padre, Claude Savary, ha fatto sapere che lacoppia pare ancora non abbia dichiarato il luogo della sepoltura, avvenutocomunque nell'area di Clermont-Ferrand, lasciando ancora un altro passo dacompiere sotto lo sguardo fortemente commosso dell'intera Francia.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto