Di Elena Ceste, la mamma piemontese scomparsa dalla sua abitazione il 24 gennaio scorso, sembrano ormai essersi perse le tracce, nonostante la attività investigativa della Procura di Asti continui senza sosta e con il dispiego di moltissimi carabinieri e poliziotti.

Le ultime indiscrezioni sul caso della scomparsa di Elena Ceste sono state diffuse ieri nel corso di un dibattito che si è tenuto negli studi di "Chi l'ha visto?": secondo queste indiscrezioni, il marito della donna, Michele, sarebbe stato a conoscenza già da ottobre dei legami che Elena aveva instaurato sul noto social network Facebook ed aveva addirittura pregato un suo cugino di cercare di utilizzare il suo profilo, per scoprire dei particolari su queste amicizie, che il marito sospettava potessero essere diventate in alcuni casi delle amicizie reali.

Pubblicità
Pubblicità

Queste rivelazioni sul giallo di Elena Ceste vanno sicuramente prese con il beneficio del dubbio, poiché non sono supportate da prove concrete, ma, anche volendo dare credito ad esse, c'è da considerare che, senza avere indirizzo mail e password collegate all'account Facebook di Elena, difficilmente i parenti della donna sarebbero riusciti ad utilizzare il suo profilo, e quindi non esiste al momento una prova che il marito sapesse che Elena si era vista almeno con due uomini tra i mesi di ottobre e novembre, come ricostruito dagli inquirenti.

Pubblicità

Gli investigatori hanno infatti appurato che un compagno di scuola di Elena Ceste, dopo essere stato contattato da lei su Facebook ed avere intrecciato con lei una amicizia virtuale, l'aveva vista in almeno due occasioni distinte e, durante uno degli incontri, Elena gli aveva permesso anche di entrare nella sua abitazione di Costigliole d'Asti, mentre il marito era in vacanza con i figli in Campania.

Per quanto riguarda il secondo uomo con cui Elena aveva in qualche modo rapporti, si tratta del padre di uno degli studenti della stessa scuola di due dei figli della donna e si sa per certo che l'uomo ha mandato anche sei messaggi al numero di cellulare di Elena nel periodo immediatamente precedente la sua scomparsa.

Proprio contro questo uomo si era scagliato il marito di Elena Ceste, Michele, sin dai primi giorni in cui non si avevano notizie della moglie, affermando di avere incrociato la sua Golf grigia la mattina della scomparsa della mamma astigiana, ma il particolare è stato smentito dalle indagini delle forze dell'ordine, che hanno concluso che l'uomo è completamente estraneo alla vicenda.

Le nuove rivelazioni sulla presunta conoscenza di Michele dei contenuti dei messaggi Facebook che la moglie Elena Ceste scambiava con i suoi amici virtuali, contribuirebbero a far nascere dei sospetti sulla condotta del marito, ma la convinzione degli inquirenti in questa fase delle indagini sembra essere di non iscrivere l'uomo nel registro degli indagati e di considerare il caso come un suicidio, sebbene lo stesso possa essere stato provocato da qualcuno.

Pubblicità

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto