Arriva una doccia fredda per l'Italia dalla Farnesina: ufficializzato il rapimento delle due giovani ragazze italiane che si trovavano lì per un'operazione umanitaria. Le due giovani sono in realtà scomparse da sei giorni. Si è già alla ricerca di un indizio che permetta di ritrovarle, ancora nessuna rivendicazione del rapimento.

Il rapimento e gli ultimi contatti

Ad aver portato a termine il rapimento dovrebbero essere dei comuni criminali, non celle terroristiche organizzate, dal momento che non è stata fatta ancora, a distanza di sei giorni, alcuna rivendicazione ufficiale.

Le due ragazze Vanessa Marzullo, 21 anni di Brembate, e Greta Ramelli, 20 anni di Gavirate, entrambe col progetto di portare aiuti concreti sul campo ai bambini siriani, sono ora irrintracciabili.

Il rapimento si è svolto nella notte tra il 31 luglio e il primo agosto, sono state caricate in un camion da una decina di uomini nella zona di Aleppo. La Farnesina ha deciso di non diramare immediatamente la notizia per non permettere ai rapitori di poter alzare il prezzo del riscatto e far forza sulla presenza mediatica per rinforzare le proprie difese alle pressioni del Governo italiano.

A costringere la Farnesina all'ufficializzazione della notizia a distanza di sei giorni sembrano essere state le insistenti voci che da sabato circolavano sull'allora probabile rapimento. A quanto risulta l'ultima persona ad essere stata in contatto con le due ragazze sarebbe della onlus Rose di Damasco che afferma "ho avuto contatti con loro tramite Skype dal 22 luglio, le ho sentite tre volte, ma il 31 luglio non risposero alla mia chiamata".

La collaborazione con le forze turche

Proprio la presunta assenza di una cella terroristica organizzata alle spalle di questo rapimento e l'assenza di una rivendicazione ufficiale fa prospettare una ricerca lunga e una trattativa molto difficile per le forze governative nazionali. Come già fatto in precedenza ad aiutare nelle ricerche dovrebbe essere la Turchia, data l'assenza di Intelligence italiana nel territorio.

Segui la nostra pagina Facebook!