Continua il calvario dei Marò italiani bloccati in India. Massimiliano Latorre, uno dei due militari che si trovano ancora nel Paese indiano, nelle scorse ore è stato colpito da un malore ed è stato ricoverato all'ospedale di New Dehli, nel reparto di neurologia. Appena si è diffusa la notizia, il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, è volata in India per sincerarsi delle condizioni di salute del fuciliere di marina. Dal ministero sono subito giunte rassicurazioni, con un comunicato nel quale si afferma che la situazione di Latorre non sarebbe grave e che avrebbe reagito bene alle prime cure effettuate dai medici. Ad ogni modo, il militare continua ad essere tenuto sotto osservazione dal personale sanitario.

Il ministro degli Esteri, Federica Mogherini, diventata da poco responsabile della politica estera per l'Unione Europea, è in stretto contatto con la famiglia di Massimiliano Latorre e, appena si è saputo che non si era sentito bene in India, ha chiamato la compagna, Paola Moschetti, per esprimere la sua vicinanza e quella di tutto il Governo. A proposito del Governo, la Mogherini ci ha tenuto a sottolineare come l'esecutivo stia seguendo con partecipazione il caso dei Marò trattenuti in India, dichiarando che: "l'obiettivo di riportarli in Italia è una priorità". Inoltre, dal Ministero degli Esteri hanno aggiunto che si sta lavorando alacremente per sostenere al meglio i militari e le rispettive famiglie, mentre la Mogherini avrebbe chiamato il premier Matteo Renzi e il ministro Pinotti per approfondire ulteriormente la questione. Massimiliano Latorre è bloccato in India dal febbraio del 2012 insieme al collega Salvatore Girone: entrambi sono accusati di aver ucciso due pescatori indiani. All'inizio di agosto, Renzi ha parlato a lungo al telefono con Narendra Modi, primo ministro indiano, ed entrambi sono giunti alla conclusione che è necessario riaprire i rapporti diplomatici fra i due Paesi, a partire dalla soluzione del caso riguardante i due fucilieri della marina, che da ormai più di due anni vengono trattenuti in India. 

Segui la pagina Matteo Renzi
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!