Ha tenuto in scacco l'equipaggio e i passeggeri di un volo Ryanair diretto in Inghilterra per circa due ore e mezza. Un uomo di 53 anni, salito sull'aereo che da Malaga doveva giungere all'East Midlans Airport, nel Regno Unito, all'improvviso ha cominciato a fare agitare gli altri passeggeri diffondendo la voce che avesse con sé una bomba e fumando liberamente nel velivolo, spegnendo a terra le sigarette.

Un testimone che si trovava su quel volo di rientro da Malaga dopo una vacanza di cinque giorni con alcuni amici e il figlio di 12 anni, ha raccontato che appena dieci minuti dopo il decollo, quello strano signore ha cominciato a mormorare qualcosa. All'inizio si pensava avesse dei problemi di apprendimento, poi ci si è resi conto che la situazione era completamente differente perché le persone intorno a lui iniziavano ad agitarsi e a guardarlo con terrore.

Quando un ragazzo gli si è avvicinato per capire cosa stesse accadendo, la furia del 53enne si è scatenata: ha preso a fumare nervosamente, spegnendo le cicche sul pavimento dell'aereo e ha insultato in maniera pesante una signora anziana che era seduta dinanzi a lui, suscitando la reazione del marito della donna. Il balordo ne ha approfittato per avventarsi su quel passeggero, dandogli un forte pugno sul viso che gli ha rotto gli occhiali e lo ha trasformato in una maschera di sangue. Mentre continuava a minacciare che avrebbe fatto saltare in aria il velivolo, grazie alla bomba di cui era in possesso, alcuni passeggeri esasperati sono riusciti a fermarlo.

Ben sette persone sono saltate addosso ad Hazel Hickson, di Gorby e, tenendolo fermo, lo hanno trascinato fino alla parte posteriore dell'aereo dove l'hanno tenuto prigioniero fino al momento dell'atterraggio. Una volta giunti in Inghilterra, lo hanno consegnato alla polizia di Leicestershire che lo ha arrestato con le accuse di aggressione, stato di ebbrezza e di aver fumato su un aereo. Una volta passata la paura, un nugolo di polemiche si è innalzato verso l'equipaggio del volo.

I passeggeri, infatti, hanno accusato i dipendenti della Ryanair di non essere stati in grado di gestire la situazione, lasciandosi prendere dal panico. Se alcune persone, esasperate da quell'inaudita violenza, non avessero trovato il coraggio di bloccare l'aggressore, chissà quest'ultimo fino a che punto sarebbe arrivato. In molti stanno pensando di inoltrare reclamo e la Ryanair, per provare a placare la rabbia dei suoi clienti, ha diffuso un comunicato ufficiale in cui ha ricordato che l'equipaggio, appena accortosi che c'era un passeggero fuori di sé, ha avvisato la polizia che, infatti, subito dopo l'atterraggio ha arrestato l'uomo. Ma questa breve nota ufficiale, accompagnata dalle scuse dell'azienda, sembra non aver soddisfatto i viaggiatori che hanno vissuto quei momenti di paura.