Paura e polemiche a Roma, per una vicenda che ha coinvolto un bimbo di 4 anni. Il bambino, alunno dell'asilo "Ranocchio Scarabocchio" situato nella periferia della Capitale, mentre giocava con i compagni di Scuola in giardino, si è punto con una siringa utilizzata dai tossicodipendenti, quindi molto probabilmente infetta. Subito c'è stata grande preoccupazione per il bimbo che, si spera, non sia rimasto vittima di alcun contagio, e poi è divampata la polemica per lo stato di degrado in cui versano molte scuole della periferia romana.

Dopo che il bambino si è punto, il personale scolastico ha ispezionato al meglio il giardino dell'asilo e ha trovato altre due siringhe, forse lanciate da qualche tossicodipendente fuori di sé. Il presidente del Municipio VIII, Andrea Catarci, ha denunciato lo stato di abbandono in cui si trovano alcune scuole, soprattutto quelle di periferia, e ha lanciato un appello a Matteo Renzi affinché mantenga le promesse inerenti un contributo maggiore da parte del Governo a tutte le scuole del Paese. Inoltre, Catarci non ha escluso che, per garantire una maggiore pulizia e messa in sicurezza dell'asilo in cui il bambino s'è punto con una siringa abbandonata, l'istituto scolastico possa restare chiuso per una giornata.

I rappresentati del Nuovo Centro Destra, Pietro Di Paolo e Andrea Baccarelli, non hanno usato mezzi termini nel definire "gravissimo" l'episodio accaduto al piccolo alunno della scuola "Ranocchio Scarabocchio" e si sono scagliato contro il sindaco Marino. Secondo loro, il primo cittadino di Roma sarebbe responsabile dello stato di degrado in cui si trovano edifici e scuole al di fuori del centro cittadino, per non parlare di una mancanza di interventi per la pubblica sicurezza. Inoltre, sempre per i consiglieri di Ncd, l'unico intervento del sindaco nei confronti delle scuole sarebbe stato quello di aver aumentato le rette mensili degli asili, nonostante vi siano numerosi edifici fatiscenti. Infine, si stringono intorno alla famiglia del bambino sfortunato, con la speranza che l'involontaria puntura con siringa infetta non gli porti gravi conseguenze per la salute. 

Segui la nostra pagina Facebook!