Proseguono le indagini sul caso di Elena Ceste, la mamma di Costigliole d'Asti trovata morta a poche centinaia di metri dalla sua abitazione. Quando arriverà la svolta? Sembra veramente di essere di fronte ad un mistero che s'infittisce sempre di più. Ma sono tante le novità di oggi: prima di tutto, gli investigatori hanno fatto un nuovo sopralluogo a Motta di Costigliole, luogo dove è situata la casa di Elena Ceste. E' stata un'ispezione "tecnica" quella effettuata in provincia di Asti. Secondo le ultime indiscrezioni, Michele Buoninconti, al momento unico indagato per omicido volontario e occultamento di cadavere è stato interrogato per tre ore, alla presenza dei suoi legali, Chiara Girola e Alberto Masoero.

Ultime news Elena Ceste, sopralluogo dei carabinieri nella casa di Michele Buoniconti; l'interrogatorio è durato tre ore

Il marito della donna trovata morta lo scorso 18 ottobre è stato sottoposto ad un interrogatorio durato circa tre ore. L'obiettivo del colloquio è stato quello di cercare di ricostruire i momenti che precedono la scomparsa della donna, avvenuta lo scorso 24 gennaio. Michele avrebbe detto che la donna non si sentiva molto bene e che gli chiese se se la sentisse di andare a prendere i bambini a scuola.

Dunque, le indagini proseguono, ma il mistero sembra infittirsi di giorno in giorno. Sono veramente tante le domande alle quali gli investigatori non sanno ancora rispondere. Le contraddizioni di Michele Buoninconti appaiono irrisolvibili. Secondo le ultime indiscrezioni, inoltre, il marito della donna, unico indagato per omicidio volontario, è sereno e fiducioso, anche se ultimamente ha perso qualche chilo.

Ultime news Elena Ceste, Michele Buoninconti sarà difeso da un famoso avvocato

Intanto, secondo il legale di Michele, Chiara Girola, un importante avvocato si è offerto per prendere le difese del marito di Elena Ceste. E' quanto affermato dalla stessa Girola, che ha rivelato di essere stata contattata personalmente da un legale di altissimo livello. L'altra novità riguarda sempre Michele Buoninconti: su Facebook, infatti, è nato un comitato in sua difesa, creato dai suoi amici di scuola.

Segui la nostra pagina Facebook!