Una nuova perizia della difesa ha fatto emergere un nuovo elemento di prova che potrebbe dare il via a una revisione parziale del processo dell'ex caporale degli Alpini condannato a 30 anni per l'omicidio della moglie in Melania Rea. Il nuovo indizio è l'impronta di una scarpa insanguinata rilevata dagli inquirenti vicino al luogo dell'omicidio verso le Casermette di Civitella del Tronto in provincia di Teramo dove è stato ritrovato il corpo di Melania Rea uccisa con 35 coltellate.

Pubblicità
Pubblicità

Potrebbe scagionare Parolisi.

Una nuova perizia potrebbe aprire alla possibilità di una revisione parziale del processo?

La Corte d'Appello dell'Aquila ha rigettato la richiesta avanzata dalla difesa in quanto gli elementi non sono sufficienti per individuare esattamente il modello di scarpa e confrontarlo con le scarpe di Parolisi che indossava il giorno dell'omicidio il 18 aprile del 2011, inoltre dai primi esami l'impronta insanguinata non risulta riconducibile neanche a Melania o agli altri soggetti presenti successivamente sulla scena del delitto.

MELANIA REA, SVOLTA CLAMOROSA? UN INDIZIO
MELANIA REA, SVOLTA CLAMOROSA? UN INDIZIO

Tuttavia per la difesa il nuovo elemento potrebbe scagionare il marito della vittima che si è sempre dichiarato innocente e per questo motivo i legali hanno richiesto alla Cassazione una revisione parziale del processo per effettuare un'analisi più approfondita sull'impronta della scarpa insanguinata. L'avvocato Nicodemo Gentile ha dichiarato in merito: "Se dovessero essere confermati i risultati preliminari di una consulenza di parte, che prospetta trattarsi di impronta di piccole dimensioni, sicuramente non superiore al numero 40, anche Parolisi, che calza il 43, verrebbe con certezza escluso".

Pubblicità

Dunque per i legali della difesa, se dovessero essere confermati i risultati della consulenza Tecnica di Parte, e se dovessero accertare che si tratta di un'impronta di piccole dimensioni, questo elemento darebbe valore alla richiesta della difesa di Parolisi di annullare la sentenza d'Appello dell'Aquila che lo ha condannato a 30 anni per il delitto della moglie di Ripe Civitella per una revisione parziale del processo. Se volete rimanere aggiornati sulle Notizie di cronaca v'invitiamo a cliccare sul tasto "Segui" sotto il titolo dell'articolo.

Leggi tutto e guarda il video