E' accaduto a Muoio della Civitella (SA): un quarantenne della Provincia di Salerno, già noto alle forze dell'ordine per precedenti per lo stesso reato, è stato arrestato dai carabinieri del comune cilentano con l'accusa di aver abusato di una studentessa ventenne diversamente abile e verrà ascoltato dal giudice del Tribunale di Vallo della Lucania nei prossimi giorni.

Il fatto risale al mese di ottobre, quando l'uomo, che conosceva la ragazza, approfittando della sua disabilità fisica e psichica ha convinto la malcapitata a salire in macchina e dopo essersi diretto in un luogo appartato nel comune di Muoio della Civitella ha abusato di lei lontano da eventuali testimoni.

La ragazza ha ricostruito tutto l'accaduto e questo ha permesso ai carabinieri di arrivare al colpevole dopo le dovute indagini. Il caso di Muoio della Civitella è il secondo caso di arresto per violenza su disabili in meno di un mese. Caso analogo si è verificato in Basilicata per la precisione a Pignola provincia di Potenza.

In questo caso la vittima era anche minorenne mentre i "mostri" sono addirittura due, un diciannovenne e un ventiquattrenne del posto. Si tratta di un caso di violenza risalente a gennaio 2014 ma solo nel mese di ottobre si è conclusa l'indagine che ha portato all'arresto dei due giovani Lucani.

Due sorrisi di due ragazzine già sfortunate a cui dei mostri hanno rovinato l'esistenza. E purtroppo questi due casi non sono gli unici registrati in Italia. Spesso, purtroppo, nemmeno denunciati anzi, il numero delle denunce, in proporzione ai casi avvenuti, è inferiore a quello delle donne normodotate.

Forse la vergogna amplificata dall'handicap induce le vittime a tacere, e in molti casi a nascondere la violenza sono proprio i familiari che per salvare il proprio onore rendono le malcapitate doppiamente vittime.

L'ignoranza spesso è la causa di queste situazioni che, in alcuni casi, permettono ai mostri di continuare a vivere senza pagare per il reato commesso mettendoli nella possibilità di violentare altre donne e magari altre disabili.  

Segui la nostra pagina Facebook!