I corpi di alcuni viaggiatori scomparsi nel tragico evento di domenica sono stati ritrovati nel Mar di Java, ad una decina di chilometri dalla zona dell'ultimo contatto noto del volo 8501 con i controllori del traffico aereo. Il velivolo malese è scomparso con 162 persone a bordo che da Surbaya in Indonesia, si recavano a Singapore. I tre corpi recuperati erano gonfi ma intatti, e non indossavano giubbotti di salvataggio, il che riduce le speranze del ritrovamento di persone vive.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

Sono stati raccolti da una nave della marina indonesiana. Sono immagini tristemente comuni in questi ultimi tempi, quando la crisi economica che ha colpito tutti i settori commerciali, a detta degli esperti, limita i controlli sulla meccanica sugli aerei, diminuendo la sicurezza dei viaggiatori, in special modo quelli delle linee aeree low-cost.

I famigliari che stanno attendendo notizie certe dei propri cari, hanno osservato le immagini drammatiche dei ritrovamenti in una televisione locale. Mentre scorrevano le immagini di un corpo gonfio seminudo galleggiante in mare, in molti si sono messi a gridare, un uomo è stato ricoverato ed un altro è svenuto per la commozione. Il Ceo di AirAsia ha espresso le proprie condoglianze in un messaggio sul suo account Twitter: "Il mio cuore è gonfio di tristezza per tutte le famiglie coinvolte nel QZ8501. A nome AirAsia esprimo le mie condoglianze".

Le ricerche continuano senza sosta. Funzionari indonesiani hanno confermato che all'alba di martedì sono state avvistate altre vittime nella zona in cui l'aereo è scomparso. I funzionari hanno detto anche che è stato trovato un giubbotto di salvataggio ed un portellone di sicurezza, e si ritengono sicuri al "95 per cento" che i detriti appartengano all'aereo caduto.

I migliori video del giorno

Il volo malese AirAsia 8501, un Airbus A320-200 stava trasportando 162 persone prima di sparire dagli schermi radar domenica, dopo aver richiesto il permesso di deviare la rotta a causa del sopraggiungere del maltempo.

Il capo delle ricerche indonesiano Henry Bambang Soelistyo aveva già da lunedì ipotizzato che l'aereo si trova ora "in fondo al mare". Sono escluse per ora le ipotesi che accusano il terrorismo islamico come autore di un attentato.