Ieri a Chi l'ha visto è andata in onda una puntata speciale sulla vicenda della morte del piccolo Andrea Loris Stival della quale sicuramente si parlerà anche nella puntata del 3 dicembre insieme a quella di Elena Ceste e alla scomparsa di Guerrina Piscaglia. Chi l'ha visto ha confermato che la Procura di Ragusa ha aperto un fascicolo per la morte del piccolo Andrea Loris contro ignoti. Il bimbo di appena otto anni è stato ritrovato senza vita il 29 novembre a Santa Croce Caterina nella provincia di Ragusa in Sicilia e dai risultati dell'autopsia risulta essere morto per asfissia. Per quanto concerne la violenza sessuale, il magistrato ha riferito in conferenza stampa che non vi sono ancora elementi o segni che ne facciano pensare.

Al momento non vi sono accusati ma l'auto del cacciatore che ha ritrovato i poveri resti del bambino è stata comunque sequestrata per le dovuta indagini. L'uomo in questione ha riferito all'Ansa di essere a completa disposizione delle autorità affinché queste facciano tutte le indagini utili per risalire all'assassino di Andrea. Gli investigatori che seguono la vicenda hanno lanciato un appello ai cittadini del posto affinché chi sappia qualcosa parli, inoltre si cerca ancora lo zainetto del piccolo Andrea con la scritta Toy Story che aveva con sé la mattina del 29 settembre. Il bimbo è stato ritrovato senza vita presso il canale di raccolta dell'acqua piovana vicino ad un vecchio mulino senza il suo zainetto e non molto lontano dalla sua scuola per cui si pensa che sia arrivato lì con qualcuno che conosceva.

I migliori video del giorno

Chi l'ha visto news su Guerrina Piscaglia ed ultime su Elena Ceste

Dalle ultime news fornite dalla trasmissione Chi l'ha visto riguardante il caso della scomparsa di Guerrina Piscaglia da Badia Tebalda si evince che sul computer di Padre Gratien sono state rinvenute due foto che ritraggono una suora nuda dalla cintola in giù. Mirko, il marito della Piscaglia, nonostante abbia saputo di tali foto ha dichiarato a Chi l'ha visto di continuare ad avere piena fiducia nel prete. Intanto gli inquirenti hanno scoperto che tali foto risalgono a moti mesi prima della scomparsa di Guerrina e che queste sono state inviate dalla suora in questione tramite chat. Gli abitanti di Badia Tebadia sono rimasti profondamente scossi da tale rivelazione anche perché padre Graziano con quel computer forniva lezioni di informatica ai bambini del paesino. Per quanto riguarda invece il caso della morte di Elena Ceste, la mamma di quattro figli di Costigiole D'Asti si evince che di recente è stato effettuato dagli inquirenti un nuovo sopralluogo in casa del marito di Elena che al momento risulta ancora essere l'unico indagato della sua morte.

Al sopralluogo oltre a Michele Buoninconti erano presenti anche gli avvocati dell'uomo . Sul quotidiano Il Mattino si evince che il colloquio tra l'uomo e le forze dell'ordine è durato circa tre ore e che in casa non sarebbe stata fatta alcuna perquisizione. Tale accertamento sarebbe stato fatto unicamente per ricostruire la dinamica delle ultime ore di vita della mamma di Costigliole. I difensori di Michele Buoninconti hanno poi comunicato all'Ansa che nonostante il colloquio con le forze dell'ordine, il loro assistito continua ad essere sereno , tranquillo e fiducioso. Per ricevere tutte le informazioni aggiornate sui casi trattati dalla trasmissione Chi l'ha visto vi invitiamo a cliccare sul tasto "Segui" in alto a destra.