Nelle ultime ore il caos invade gli Stati Uniti dopo la decisione del Gran Giurì di non incriminare l'agente accusato di aver soffocato, lo scorso 17 luglio, un uomo di colore a Staten Island. Sono molte le persone scese nelle strade e nelle piazze a manifestare e circa venti sono gli arresti. ''In questo Paese fino a quando non tutti saranno uguali di fronte alla giustizia questo sarà un problema, e il mio compito è risolverlo'', parla così in una diretta televisiva il presidente degli Stati Uniti Barack Obama.

Pesanti sono state anche le parole del sindaco di New York, Bill de Blasio: "È una situazione che nessuno voleva. Spero che coloro che non sono soddisfatti di questa decisione esprimano il loro dissenso in maniera pacifica''. Ma questo non è l'unico caso di violenza contro una persona di colore, già lo scorso agosto un poliziotto americano ha sparato ad un ragazzo afroamericano, Michael Brown. Sucessivamente la polizia di Ferguson ha reso pubblico il nome del poliziotto che sparò al ragazzo di diciotto anni.

''Il suo nome è Darren Wilson'', dichiarò il capo della polizia, Thomas Jackson, senza rilasciare ulteriori informazioni raguardo l'agente.

La decisione di rendere pubblico il nome di Darren Wilson è dovuta dal tentativo delle autorità di calmare la tensione a Ferguson. Decisivo è stato un intervento del presidente degli Stati Uniti che lanciò un appello alla calma. ''Non ci sono scuse per la violenza usata dalla polizia sui manifestanti.

Negli Stati Uniti la polizia non dovrebbe usare la prepotenza o arrestare i giornalisti che fanno il loro lavoro. Deve tornare la pace a Ferguson'', dichiarò Barack Obama. I giornali renderanno pubblica, in seguito, la notizia che l'agente Darren Wilson ha ufficialmente lasciato la polizia di Ferguson: già qualche giorno prima il Gran Giurì non incriminò il poliziotto per la morte di Michael Brown.

Con una lettera di dimissioni immediate afferma l'agente che se dovesse ritornare in polizia potrebbe mettere in pericolo la sua vita e quella dei colleghi.

Segui la nostra pagina Facebook!