Di certo tutti ricorderete il drammatico caso della morte della giovanissima Yara Gambirasio, trovata morta (di freddo) nel 2010 dopo un sequestro lampo le cui modalità sono ancora al vaglio degli investigatori impegnati, non senza fatica, a ricostruire quanto accaduto. La giovane Yara era solita frequentare con grande impegno una palestra di ginnastica che le dava grandi soddisfazioni. I suoi allenatori la stimavano, la consideravano seria e affidabile, ma forse su di lei si era concentrata la morbosa curiosità di qualcuno con cattive intenzioni.

Per quell'orribile delitto l'unica persona sospettata è Giuseppe Bossetti che è in carcere a Bergamo ma continua a professarsi estraneo ai fatti. La novità al 17 dicembre 2014 è che le indagini hanno dimostrato che il suo furgone transitò in varie occasioni nei pressi della palestra frequentata da Yara. I passaggi del mezzo sono avvenuti tra le 18:00 e le 19:00 di quel triste giorno. Era il 26 novembre 2010.



La novità è importante. Finora a disposizione della magistratura c’era un fotogramma: quello che la telecamera del distributore Shell ha catturato alle 18,01 del giorno della scomparsa e della morte di Yara Gambirasio.

E' però lecito chiedersi se alla guida c'era proprio Bossetti e non un'altra persona, magari un suo collaboratore. La cosa che è però importante sottolineare è che Massimo Giuseppe Bossetti ha sostenuto che il giorno della scomparsa di Yara Gambirasio era impegnato a lavorare. Le indagini continuano. Inizialmente si sospettò di un operaio extracomunitario risultato poi estraneo ai fatti contestati.

Ci fu perfino chi ipotizzò che si trattasse di una sorta di vendetta nei confronti della ragazzina o meglio di suo padre a seguito di una denuncia da lui presentata ma la fantasiosa ricostruzione è stata smentita ufficialmente dai genitori di Yara Gambirasio. La giovane fu ferita da armi da taglio, poi rivestita e abbandonata al suo destino in un campo. Secondo i legali di Massimo Giuseppe Bossetti potrebbe essere stata aggredita da più persone ma quest'ipotesi è ancora da dimostrare in sede processuale.





Segui la nostra pagina Facebook!