Edward Snowden, informatico ex consulente tecnico presso la Central Intelligence Agency (CIA) e collaboratore presso la National Security Agency (NSA), non utilizza iPhone per problemi di sicurezza collegati all'utilizzo del dispositivo Apple. Sembra infatti, stando a quanto riferisce l'avvocato di Snowden, che i cellulari iPhone Apple posseggano un particolare software capace di attivarsi all'insaputa del proprietario e di raccogliere informazioni dettagliate sull'utente. La notizia è stata riportata da "Sputnik" (network news russo).

Pubblicità

"Edward non usa mai un iPhone, lui ha un telefono molto semplice - ha detto l'avvocato di Snowden, Anatoly Kucherena, all'agenzia di stampa russa 'RIA Novosti' - il dispositivo iPhone ha un software speciale che può attivarsi senza che il proprietario debba premere un pulsante, e sia in grado di raccogliere informazioni, per questi motivi di sicurezza ha rifiutato di avere questo tipo di telefono". Kucherena ha anche aggiunto che la decisione se utilizzare o meno un iPhone è una questione puramente personale, ma Snowden, in qualità di tecnico, si avvicina alla questione dal punto di vista professionale, valutando diversi aspetti.

L'avvocato ha, inoltre, riferito che il suo assistito si dichiara complessivamente soddisfatto della sua nuova vita in Russia.

Ricordiamo che Edward Snowden ha pubblicamente riferito, nel mese di giugno 2013, le pratiche adottate dall'intelligence U.S.A. e inglese atte a porre sotto sorveglianza strategica diverse "aree sensibili". Tra le rivelazioni sui programmi di intelligence, sino ad allora secretati, ha destato particolare scalpore la notizia di un controllo massivo delle comunicazioni telefoniche tra Stati Uniti ed Europa.

Pubblicità

Le rivelazioni riguardano, ad oggi, alcune violazioni ritenute tra le pià gravi della storia della NSA.

L'informatico è ricercato negli Stati Uniti per una serie di accuse, tra cui lo spionaggio e furto di proprietà del governo. Il primo agosto 2013 Snowden ha ottenuto asilo in Russia e successivamente un permesso di soggiorno della durata di tre anni.