Emergono notizie importanti sul caso di Yara Gambirasio, la tredicenne ginnasta di Brembate trovata morta cinque anni fa. Massimo Bossetti si trova ancora rinchiuso nel cacere di Bergamo, dove è entrato il 16 giugno dell'anno scorso, quando fu incastrato dalla prova del Dna. Nelle ultime ore, però, sono arrivate buone notizie per il muratore di Mapello, dopo che l'opinione pubblica era stata sconvolta dalla testimonianza di due ragazzine, che avevano affermato di essere state molestate da un uomo di Brembate, il profilo del quale potrebbe coincidere con quello di Massimo Bossetti.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

Ultime news Yara Gambirasio, non sono state trovate tracce di Dna sugli abiti di Massimo Bossetti

Secondo quanto riporta il sito Urbapost, non sono state trovate tracce del Dna di Yara Gambirasio sugli abiti di Massimo Giuseppe Bossetti, l'uomo che si trova in carcere dal 16 giugno scorso con l'accusa di avere ucciso la ginnasta tredicenne.

Si tratta di risultati che lasceranno sicuramente interdetta l'accusa. Ma non è l'unica buona notizia che giunge a favore di Massimo Bossetti. Claudio Salvagni, l'avvocato del carpentiere, ha infatti affermato che ci sarebbero sospetti concreti su un altro uomo, il quale scagionerebbe il muratore di Mapello. L'avvocato ha raccolto la testimonianza di una donna che avrebbe conosciuto un amico della sua compagna di letto in ospedale. L'uomo sarebbe un romeno che lavorerebbe nell'ambito dell'edilizia e che avrebbe dichiarato di conoscere Yara Gambirasio.

Ultime news Yara Gambirasio, la sorella a Bossetti: "Tieni duro"

Intanto, nell'ultima puntata di "Pomeriggio 5", è intervenuta la sorella di Massimo Bossetti, Letizia Laura, che ha raccontato di essere andata a trovare Massimo in carcere di averlo visto molto provato da questa esperienza."Nonostante ciò, mio fratello è fiducioso, perché è innocente", ha affermato la sorella di Massimo Bossetti.

I migliori video del giorno

L'uomo si è dichiarato sempre tale e la sua innocenza è stata sostenuta pubblicamente anche dalla madre Ester Arzuffi, che ha affermato: "Anche la scienza può sbagliare". L'esito dell'ultima prova sul Dna scagionerebbe Bossetti, che può ancora sperare.