Tutto si ripete, oggi come quel tragico giorno di quasi tre anni fa. La giovane Bobbi Kristina Brown, figlia della nota cantante Whitney Houston, è stata trovata priva di sensi nella vasca da bagno due giorni fa ad Atlanta, proprio come la madre, che in quel caso, però, fu trovata morta in un albergo di Beverly Hills l'11 febbraio del 2012.

In questo caso, per fortuna, la ragazza di soli 21 anni è stata ricoverata ancora in vita in un ospedale di Atlanta anche se le sue condizioni sono definite estremamente serie dal personale medico. Secondo il sito Tmz, che ha diffuso la notizia e che di solito è ben informato riguardo le personalità dello spettacolo, la giovane è tenuta in come farmacologico, ma purtroppo le sue funzioni cerebrali sembrano venir meno con il passare delle ore, tanto da aver fatto dire ai medici di prepararsi ad ogni evenienza anche a quella peggiore.

Al suo capezzale oltre ai parenti anche il padre, figura controversa, che si dice disperato se dovesse perdere la figlia oltretutto con le stesse modalità con le quali se ne è andata la moglie.

Le autorità per il momento non si pronunciano, proseguendo nelle indagini su questo fatto, che vede la madre e la figlia trovarsi nella medesima situazione e lottare tra la vita e la morte. Una strana coincidenza che dà da pensare. Al momento non si sa cosa sia realmente successo, lasciando aperte tutte le possibilità.

La giovane, provata dalla tragica scomparsa della madre, non si sa se abbia voluto tentare un gesto estremo o sia stato solo uno sfortunato incidente a ricreare le stesse condizioni di allora, fatto sta che si spera e si prega, affinché Bobbi possa spiegarlo lei stessa e magari scrivere un finale diverso a quello che sembra un accanimento del destino verso questa sfortunata famiglia.

I migliori video del giorno

Intanto tutti i suoi cari si sono stretti intorno a lei nella speranza che possa riprendersi nonostante le previsioni negative dei dottori e non vogliono perdere la speranza, confidando magari che sua mamma possa riportarla da loro.