Il coroner attacca l'azienda cosmetica L'Oreal dopo che una donna è morta per una massiccia reazione allergica alla tintura per Capelli. Julie McCabe era finita in coma dopo grave reazione allergica alla tintura L'Oreal per capelli: la trentanovenne non aveva mai ripreso conoscenza e morì un anno dopo, nel 2012.

Nel 2007 aveva fatto un tatuaggio all'hennè che l'aveva resa ancora più sensibile alle reazioni allergiche. La donna aveva consultato i medici fino a 20 volte, lamentando di eruzioni cutanee, prurito agli occhi e gonfiore, ma aveva continuato a usare la tintura per capelli, ignara delle sostanze chimiche in essa contenute.

Adesso un medico legale ha attaccato l'industria cosmetica L'Oreal per "sottovalutare grossolanamente" i problemi causati dalle sostanze chimiche presenti nelle tinture per capelli.

Geoff Fell ha invocato un intervento dopo essere stato sentito nel'inchiesta sulla morte di Julie McCabe, causata da una reazione allergica estrema alla tintura L'Oreal che usava ogni mese. Si tratta solo della terza morte nota nel mondo e la seconda nel Regno Unito causata dalla sostanza chimica para-fenilendiammina (PPD). Ma Fell ha riferito durante l'udienza che l'inadeguata reportistica significava che l'industria era completamente all'oscuro delle dimensioni di reazioni allergiche non fatali. Dopo l'udienza, il vedovo della signora ha affermato che la tragedia avrebbe potuto essere evitata se i prodotti avessero avuto etichette con avvertenze chiare riguardo le reazioni gravi.

I migliori video del giorno

La sua famiglia ora vuole citare in giudizio L'Oreal.

L'agente immobiliare Julia McCabe era finita in coma nell'ottobre 2011 dopo aver subito una reazione allergica massiccia ad una sostanza chimica nella sua tintura L'Oreal. Ebbe un attacco di cuore e morì un anno dopo. Durante l'inchiesta sulla sua morte si è scoperto che aveva un tatuaggio all'hennè nero fatto a Dubai nel 2007 e le sue reazioni allergiche regolari alla tintura per capelli sono aumentate in seguito. Esperti hanno provato che i tatuaggi contenevano enormi quantità di PPD -la sostanza chimica nella tintura dei capelli che si pensa abbia causato la reazione allergica- e che i tatuaggi hanno aumentato la suscettibilità della donna.

Il medico legale ha anche avvertito i genitori di non lasciare che i bambini si facciano i popolari tatuaggi all'henné nero in vacanza a causa delle concentrazioni pericolosamente alte di PPD che contengono. I tatuaggi realizzati da "tatuatori artigianali sulla spiaggia sono estremamente pericolosi. Queste persone devono essere evitate come la peste -in realtà, sono la peste", ha avvertito il signor Fell. Mr Fell ha inoltre invitato l'industria cosmetica a fare di più per scoprire quanti clienti hanno reazioni allergiche alle loro tinture per capelli. Esiste un divario enorme tra i dati del settore, che suggeriscono che solo quattro clienti su un milione abbiano subito una tale reazione allergica, e quelli della ricerca accademica, secondo cui sarebbero ben il 14 per cento.