Dopo mesi di accurate indagini il marito di Elena Ceste è stato arrestato e tradotto in carcere con l'infamante accusa di avere ucciso sua moglie e di averne abilmente occultato il cadavere il giorno stesso, mostrando così una sconcertante attitudine manipolatoria, confermata da alcuni tentativi di depistaggio.



I legali dell'uomo hanno presentato istanza di scarcerazione ma il giudice l'ha respinta: l'uomo è considerato pericoloso, anche perché potrebbe darsi alla fuga vista la delicatezza della sua situazione, anche se in sede processuale avrà modo di far valere le proprie ragioni attraverso i suo avvocati, i quali si dichiarano convinti della sua estraneità ai fatti contestati.

La cerimonia funebre sarà a Govone

Un po' perché è il luogo di nascita del padre della Ceste, un po' per cercare di tenere lontano i curiosi, il funerale della donna sarà celebrato a Govone, comune che si trova nella provincia di Cuneo. I familiari della donna, per bocca degli avvocati Deborah Abate Zaro e Carlo Tabbia, pregano i giornalisti e soprattutto i fotografi di non entrare in chiesa durante la cerimonia a tutela del diritto di privacy di una famiglia profondamente segnata da questa triste vicenda di cronaca nera. La donna verrà tumulata nel cimitero del paese.

Saranno effettuate simulazioni nel canale di scolo

I difensori di Michele Buoninconti - vigile del fuoco di 44 anni - hanno annunciato alcune simulazioni lungo il canale del Rio Mersa, dove la Ceste fu trovata, nascosta da arbusti, con uno speciale manichino.

Si è intanto stabilito che almeno durante la permanenza in carcere di Buoninconti, i figli della Ceste staranno coi nonni, soluzione che sembra la meno dolorosa, anche se i bambini si trovano in una situazione davvero delicata visto che per diversi motivi sono rimasti senza genitori. A ben guardare, le vere vittime di questa brutta storia sono proprio loro.

Resta però un mistero: il corpo della donna giaceva da mesi in un canale a un chilometro circa da casa (due minuti e mezzo in macchina): possibile che durante le ricerche non sia stato notato da nessuno?



Segui la nostra pagina Facebook!