Resta ancora irrisolto il caso di Guerrina Piscaglia, la cinquantenne di Cà Raffaello scomparsa lo scorso 1 maggio e mai più ritrovata. Qualche settimana fa sono state rinvenute delle ossa nel cimitero di San Gianni, una località situata tra Cà Raffaello, il paesino dove viveva la donna, e Sestino. In un primo momento si era pensato che i resti umani appartenessero a Guerrina Piscaglia, ma le analisi scientifiche hanno poi svelato che le ossa sono di un uomo di circa quarant'anni. Il mistero s'infittisce sempre più, nonostante sia arrivato un colpo di scena nel caso: è stato arrestato Padre Gratien Alabi, il religioso congolese che è sospettato di essere stato l'amante della casalinga cinquantenne.

Nelle ultime ore sono emerse delle notizie shock sul sacerdote africano, riportate dal sito "Urbanpost"; ecco tutti i dettagli.

Ultime news Guerrina Piscaglia, spunta una macabra ipotesi su Padre Gratine Alabi

Secondo gli inquirenti, Guerrina Piscaglia sarebbe stata assassinata da Padre Gratien Alabi, ma il fatto che non sia stato ancora trovato il corpo della donna rende il caso sempre più complesso. Si sta profilando una macabra ipotesi che coinvolgerebbe il religioso congolese, arrestato con l'accusa di omicidio volontario e occultamento di cadavere. Dalle intercettazioni sarebbe emersa l'esistenza di una misteriosa valigia, della quale Padre Gratien sarebbe sato spesso preoccupato. Perciò, gli inquirenti stanno valutando molto seriamente la tesi che il religioso africano abbia ucciso Guerrina e abbia poi nascosto il suo cadavere in questa valigia.

I migliori video del giorno

Tale ipotesi, però, non è stata assolutamente confermata; occorre dunque aspettare gli esiti delle prossime indagini su questo delicatissimo caso.

Ultime news Guerrina Piscaglia, parla la perpetua di Padre Gratien: emerge un quadro degradante

Nell'ultima puntata di "Pomeriggio Cinque" è stata intervistata la perpetua di Padre Gratien Alabi, la quale ha rivelato varie indiscrezioni sulla vita privata del prete. "Beveva spesso birra e fumava sigarette; inoltre rideva perché non gli davo mai del 'tu'", ha affermato la signora Livia ai microfoni di Barbara D'Urso. Testimoni dei vizi di Padre Gratien sono anche gli abitanti di Cà Raffaello.