Annuncio
Annuncio

Il prossimo 27 aprile 2015 avrà luogo l'udienza preliminare per Massimo Giuseppe Bossetti, accusato di essere l'esecutore materiale del delitto della povera Yara Gambirasio avvenuto il 26 novembre del 2010. A questo proposito, Federica Panicucci, nel corso della trasmissione 'Mattino 5', ha fatto il punto della situazione insieme al criminologo Massimo Picozzi: in particolare, sono stati evidenziati tutti gli elementi raccolti dagli inquirenti durante le indagini e che, messi insieme, inchioderebbero Massimo Bossetti, rendendolo colpevole di omicidio pluriaggravato. 

Delitto Yara Gambirasio: prova DNA e video telecamere contro Bossetti

La prova del Dna è, senz'altro, l'indizio più importante da tenere in considerazione, nonostante la difesa abbia sollevato dei dubbi sull'esito degli esami scientifici; inoltre i video delle telecamere di sorveglianza hanno ripreso un furgone (altamente compatibile con quello di proprietà del carpentiere di Mapello) aggirarsi nei pressi dell'abitazione di Yara Gambirasio e della palestra di Brembate, dalla quale uscì la ragazzina quella tragica sera. 

Anche la prova dei video è stata contestata dalla difesa ma appare chiaro come, nel giro di pochi minuti (dalle 18 alle 18:05), quel furgone sfrecciò a velocità sostenuta nella zona di casa Gambirasio e davanti alla palestra dove si allenava Yara.

Yara Gambirasio: Massimo Bossetti non ha alibi

Terzo elemento, non certamente ultimo come importanza, quello della mancanza di un alibi per Massimo Bossetti: vi abbiamo scritto, nei giorni scorsi, riguardo alle dichiarazioni che la moglie del muratore di Mapello, Marita Comi, ha rilasciato in un'intervista concessa alla trasmissione 'Matrix'. Ebbene, nonostante la donna abbia affermato che la sua famiglia conduce una vita abitudinaria e che, pertanto, anche quella sera il marito si trovava a casa come tutte le altre sere, è emerso dalle intercettazioni riguardanti i dialoghi tra Marita Comi e Bossetti, come la coppia avesse litigato in quei giorni e che quella sera l'uomo non si trovava in casa, all'ora del delitto. Basteranno questi elementi per sentenziare la colpevolezza di Massimo Giuseppe Bossetti? Per ricevere tutti gli aggiornamenti sul caso Yara Gambirasio, nonchè dei più importanti fatti di cronaca, potete cliccare sul tasto 'Segui' posto in alto vicino alla firma dell'autore.