La vicenda accaduta nelle scorse ore a Messina, ci ricorda le storie surreali che a volte ci vengono raccontate nei libri di fantasia o guardando film polizieschi e di azione, ma ahimè quanto accaduto ieri 6 maggio nel centro cittadino è una storia che di surreale ha ben poco, poichè si è verificata realmente davanti agli occhi stupiti dei passanti e di coloro che hanno assistito increduli e scioccati.

L'insolita vicenda- Un automobilista sbandando, forse a causa di elevata velocità e di una distrazione, ha fatto irruzione sui tavoli di un noto bar della città siciliana, travolgendo tavoli e clienti che ignari di quanto sarebbe accaduto, stavano li seduti a chiacchierare spensieratamente.

Fortunatamente erano le 23,20 di una sera infrasettimanale, poca gente nei dintorni del bar Prestige situato in una nota arteria del centro cittadino tra la Via Tommaso Cannizzaro e la Via Cesare Battisti, spesso meta, sia di giorno, sia durante le serate dei fine settimana, di numerosi passanti che tra studenti, avvocati e impiegati si trovano a camminare su quel marciapiede. L'ora tarda, tarda, ha consentito, dunque, di evitare una strage, poichè, il violento impatto della vettura, un'Audi 4, ha travolto gli stessi clienti ferendoli per fortuna in maniera lieve e provocando tanta paura.

Prelievi e indagini - Giunta immediatamente l'infortunistica e due ambulanze, gli agenti si sono messi all'opera per ricostruire la dinamica dell'incidente, raccogliendo le testimonianze degli spettatori e anche le informazioni fornite da parte del conducente, il quale ha raccontato di aver fatto la manovra violenta per evitare di urtare un'altra macchina. Ad oggi ,tuttavia, sono ancora in corso i prelievi e le indagini per ricostruire la dinamica dell'incidente, poichè, certamente, bisogna innazitutto esaminare la velocità con la quale l' autovettura si muoveva e se di fatto il conducente si sia trovato costretto a sterzare con violenza provocando, così, lo sbandamento del mezzo, per evitare di tamponare un'altra auto.

Segui la nostra pagina Facebook!