La tragica morte di Domenico Maurantonio, 19enne padovano che è caduto dal balcone del 5° piano di un albergo di Milano, deve essere valutata con particolare lucidità per capire bene cosa davvero è accaduto quella drammatica notte, che ha spezzato una giovane vita nel più incredibile dei modi. Un ragazzo come mille altri va in gita all'Expo con la sua scuola e non fa più ritorno a casa: come accettare tutto questo? Il dolore dei familiari è comprensibile. I genitori non riescono a darsi pace, anche perché la ricostruzione dell'accaduto lascia intendere una situazione estrema.

Come è caduto Domenico?

Al 28 maggio 2015 la madre di Domenico passa alle accuse, lasciando intendere che il figliolo potrebbe essere stato spinto dal balcone, per motivi che sono ancora in fase di accertamento ma che potrebbero risultare particolarmente futili.

Tutti siamo stati in gita scolastica e tutti sappiamo che si respira un clima molto particolare, caratterizzato a tanta voglia di scherzare e godersi la vita in compagnia dei propri coetanei ed amici. A volte qualcuno esagera e potrebbe essere questo il caso. Domenico Maurantonio alloggiava al 5° piano dell'hotel "Leonardo Da Vinci". Di notte è caduto da un balcone con un davanzale alto 1 metro e 10 cm circa. Per cadere da lì ci sono solo due possibilità: lanciarsi volontariamente o essere spinti da qualcuno. "Non era proprio il tipo da equilibrismi pericolosi o da bravate." dice oggi la madre a 'Corriere.it'.

Non si è suicidato

La donna esclude anche l'ipotesi più estrema e cioè quella di un suicidio in quanto Domenico, fidanzato da tre anni e con un buon rendimento scolastico, non mostrava alcun segnale di disagio o malessere.

I migliori video del giorno

"E' stato uno scherzo disumano!" grida oggi la madre. Ma come si può pensare ragionevolmente che dei giovani studenti possano arrivare a tanto nei confronti di un loro compagno di scuola? Forse la spiegazione è da ricercare dall'alterazione dello stato di coscienza di qualcuno che aveva bevuto davvero troppo, tanto da perdere il senso del limite e del pericolo. Queste ipotesi necessitano però di prove che al momento mancano.