Ancora fiamme ad automobili parcheggiate in strada, gli ultimi due episodi sono avvenuti a Noto e Pachino.

Nella parte alta della città barocca è stata data alla fiamme l'automobile di un pensionato. Si è sentito indistintamente un forte boato e poi le fiamme hanno avvolto la parte anteriore di una automobile. In via Botticelli le fiamme hanno incenerito l'auto di un pensionato parcheggiata nel cortile del condominio dove abita. La Peugeot 307 sw di colore blu scuro è andata distrutta nel rogo spento dai Vigili del Fuoco di Noto.

Buona parte dei condomini scesi in strada per verificare cosa fosse successo, hanno sentito un forte boato e poi dalle finestre hanno visto il bagliore delle fiamme e il fumo sprigionate dall'auto.

Il proprietario dell'auto, un pensionato 65enne, è stato aiutato da alcuni vicini di casa nel tentativo, con mezzi di fortuna, di spegnere l'incendio senza però riuscirci. Prontamente avvisati i Vigili del Fuoco di Noto sono intervenuti per spegnere le fiamme e bonificare l'area, dove fortunatamente non c'erano altri mezzi lasciati a sostare.

Pochi dubbi sull'origine dell'incendio che sembra di matrice dolosa, il forte boato sentito potrebbe aver innescato l'incendio che poi ha distrutto l'automobile. Sul posto sono intervenute anche le forze dell'ordine che hanno raccolto tutti gli elementi utili per avviare le indagini ed hanno ascoltato il proprietario del mezzo incendiato.

Secondo episodio a Pachino in via Gioberti, intorno alle 3 di notte le fiamme sono partite dalla ruota anteriore destra di una auto parcheggiata.

I migliori video del giorno

L'Audi A3 di proprietà di due giovani stranieri è stata solo parzialmente danneggiata. Grazie all'intervento dei vicini di casa che hanno lanciato secchiate d'acqua sul mezzo, il fuoco è stato spento quasi sul nascere. Sul posto sono comunque intervenuti i Vigili del Fuoco e le forze dell'ordine per accertare cosa fosse successo.

Si tratta di nuovi episodi avvenuti nella zona sud della provincia di Siracusa. Incendi di probabile matrice dolosa che hanno coinvolto attività ambulanti, mezzi da lavoro, automobili, garage e perfino barche ad Avola, Noto, Pachino e Rosolini.