Rossella ed Enric lavoravano entrambi in un campo profughi saharawi nel deserto algerino - ma per due ong diverse -, quando furono sequestrati dopo una sparatoria in cui vi furono due feriti nella notte tra il 22 e il 23 ottobre del 2011. Il loro amore nacque proprio nelle drammatiche circostanze dei 270 giorni di prigionia, che sarebbe avvenuta in Mali. I due furono liberati il 18 luglio dell'anno successivo, assieme ad un'avvocatessa spagnola, Ainhoa Fernandez de Rincon.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

Matrimonio tenuto segreto fino all'ultimo

A Samugheo, in provincia di Oristano, in Sardegna, dove il 22 marzo 1982 è nata la cooperante italiana e dove vive la sua famiglia, si sapeva del fidanzamento tra lei ed il collega spagnolo, ma non delle nozze: la coppia tornava solo per le vacanze, mentre il resto del tempo lavorava come sempre all'estero.

Visto che però adesso la cerimonia è veramente imminente, è stata diramata la notizia. Il matrimonio verrà celebrato in una chiesa del paese.

Chi è Rossella Urru

Laureata in Cooperazione Internazionale, Regolazione e Tutela dei Diritti e dei Beni Etno-culturali all'Università di Bologna nel 2007, Rossella opera per la ong Comitato Internazionale per lo Sviluppo dei Popoli (CISP) ed è coordinatrice del campo profughi saharawi di Hassi Rabuni, nella zona di Tindouf, in Algeria. Prima del rapimento aveva lavorato in altre quattro missioni presso i campi saharawi e in altre tre occasioni in altrettanti contesti difficili. Per lei fu chiesto un ingente riscatto e come accade ogni volta che viene liberato un ostaggio italiano, anche in questo caso fioccarono polemiche su quanto sia stato pagato ai terroristi, dato che l'Italia è disposta a scendere a patti, mentre Paesi come gli Stati Uniti e la Gran Bretagna, no.

I migliori video del giorno

Gli inquirenti stabilirono che il sequestro fosse opera di Al Qaeda nel Maghreb Islamico (Aqmi). Il 4 dicembre 2011 venne arrestato in Mauritania un uomo, sospettato di essere stato uno dei rapitori: Maminna Ould Faqir. Tuttavia nella notte tra il 17 e il 18 luglio del 2012 questi fu rilasciato e accompagnato chissà dove dalle autorità maritane.