Eva Bourseau, questo il nome della vittima, aveva solo 23 anni quando è stata fatta a pezzi dai suoi aguzzini. Il motivo del macabro gesto, secondo quanto emerso dopo tre giorni di indagini, sarebbe un debito di 6.000 euro legato alla droga.

Ebbene, in seguito alla sua uccisione, gli assassini avrebbero smembrato il suo corpo, per poi nasconderlo dentro un baule posto all'interno di un appartamento situato in Francia, esattamente nel centro di Tolosa.

I presunti autori del crimine sarebbero quattro

Secondo gli inquirenti, i presunti assassini sarebbero quattro ragazzi, tra i quali una donna, di età compresa tra i 19 e i 22 anni.

Il procuratore di Tolosa Pierre-Yves Couilleau ha spiegato che i quattro giovani, fermati dalle forze dell'ordine e in attesa di giudizio, erano entrati da alcuni mesi in un brutto giro, legato allo spaccio di droghe come amfetamine e speed. E la stessa cosa aveva fatto Eva, arrivando ad accumulare, appunto, un debito pari a 6.000 euro. Sempre secondo Couilleau, la sera del delitto due ragazzi di 19 e 22 anni si sarebbero recati a casa della ragazza per assumere stupefacenti e, ad un certo punto, sarebbe venuto fuori il discorso del debito. Per tutta risposta, Eva avrebbe dato poca importanza alla cosa e i due, irritati, l'avrebbero colpita alla testa con un piede di porco e delle mazze.

L'ispirazione presa da 'Breaking Bad'

Il procuratore dichiara che il vero motivo che avrebbe spinto i due a far visita alla ragazza sarebbe stato quello di volerla togliere di mezzo, per poi derubarla di alcuni oggetti.

I migliori video del giorno

Sembra, inoltre, che i giovani abbiano preso ispirazione dalla serie televisiva 'Breaking Bad' per sbarazzarsi del cadavere. Infatti all'interno dell'appartamento, accanto al baule di plastica in cui era nascosto il corpo della vittima, sono stati rinvenuti insetticidi e deodoranti per ambienti. Sembra che gli autori dell'omicidio avrebbero anche provato a sciogliere nell'acido il corpo di Eva. In seguito, sarebbero tornati ogni giorno nell'appartamento per controllare lo stato del cadavere e pulire, oltre che rubare altri oggetti.

Il macabro ritrovamento è avvenuto lunedì scorso grazie alla madre della vittima che, allarmata per non aver avuto più notizie della ragazza dal 28 luglio, avrebbe chiamato i soccorsi. I vigili del fuoco, giunti presso l'appartamento della ragazza, hanno subito avvertito un odore ripugnante, ed è stato così che hanno scoperto il corpo smembrato della vittima.