Iniziano a trapelare le prime indiscrezioni relative a quanto emerso nel corso dell'autopsia eseguita nella giornata di lunedì sul corpo del giovane Andrea Soldi deceduto nel corso di un TSO (trattamento sanitario obbligatorio) lo scorso mercoledì a Torino.

Il medico Valter Declame, incaricato dal Procuratore della Repubblica Guariniello, avrebbe accertato che la morte sia sopraggiunta a causa di uno "shock da compressione latero-laterale al collo", probabile causa diretta dell'ematoma riscontrato proprio sul collo nel corso dell'esame autoptico.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

Il giovane era affetto da schizofrenia dal 1990 e secondo quanto riferito dalla sorella già in passato era stato sottoposto a trattamenti sanitari che si erano sempre svolti senza alcun problema di sorta.

Questa volta invece, a seguito della presunta forza eccessiva esercitata dagli agenti presenti sul posto l'esito dell'intervento è stato tragico.

Occorre ricordare che in situazioni di questo tipo l'azione coercitiva esercitata non deve superare i 15 secondi, tempo limite oltre il quale il soggetto è vittima di una importante riduzione di sangue al cervello, perdita di controllo degli sfinteri e crisi respiratoria.

Nella giornata di ieri sono emersi anche alcuni particolari, conseguenza di un estratto di una telefonata tra la centrale del 118 e il mezzo presente sul posto, in cui si fa riferimento alla limitata possibilità di portare soccorso e quindi rianimare Andrea che era stato caricato a forza sull'ambulanza, ammanettato e in posizione prona. Di sicuro una posizione che non consente al personale sanitario di monitorare con costanza e attenzione i parametri i vitali e se occorre esercitare con successo le manovre rianimatorie.

I migliori video del giorno

Per far luce su questa triste vicenda che presenta ancora molte zone d'ombra, il Ministro della salute Beatrice Lorenzin ha inviato a Torino due ispettori che si dovranno incontrare con il direttore generale della sanità piemontese Fulvio Moirano per fare il punto sull'applicazione da parte delle Asl delle procedure. Sicuramente l'indagine è solo all'inizio ma potrà sicuramente fare chiarezza su ciò che in questa tragica vicenda non ha funzionato portando a un inimmaginabile epilogo.