Comune di Sunrise, situato nella parte centrale della contea di Broward, Florida; la polizia viene chiamata. Si tratta di una vera emergenza, si tratta di un omicidio: una ragazza è stata uccisa, ma a chiamare non è un vicino che ha sentito urlare, non è un passante, nessuna di queste persone. A far sentire la sua voce al 911 è lui, il carnefice, l'autore del terribile reato.

La ricostruzione dei fatti

Il suo nome è Fidel Lopez, 24 anni, apparentemente un ragazzo come gli altri; egli corona finalmente il sogno di molti giovani: vivere in una casa, in questo caso un appartamento, insieme alla propria amata. Un'alcova che dovrebbe dimostrare al mondo il loro amore, il suo amore.

E invece in pochi attimi è diventata il teatro di una scena atroce, fuori dal comune.

Tutto comincia dopo che si sono dati all'alcol, in particolare alla tequila. Il distillato messicano influisce sulle loro menti, regalando loro sesso sfrenato e litigi, un mix dettato dalla confusione e dalla mancanza di lucidità. Litigio? Perché dovrebbe nascere un litigio da un momento di estremo piacere? La risposta è racchiusa in lei, Maria Nemeth, 31 anni, fidanzata preda dell'amplesso, forse più potente dell'alcol che ha ingerito, perché lei ha urlato per due volte il nome del suo ex.

Lui è accelerato, ogni cosa in lui è amplificata, anche la gelosia che lo investe all'improvviso. Niente da fare, egli fa ciò di cui in seguito si pentirà: uccide quello che uno spera diventi amore eterno. Ma la modalità di cui si macchia agghiaccerà lui stesso.

I migliori video del giorno

In Adnkronos del 22 settembre del corrente anno viene riportato che "Lopez, impazzito, l'avrebbe prima sventrata per poi inserire alcuni oggetti all'interno della donna, tra cui una bottiglia di birra e una piastra per capelli. Il corpo della fidanzata sarebbe quindi stato trascinato per l'appartamento, portato in bagno per un maldestro tentativo di rianimazione e chiuso nell'armadio".

Risvolto

Dopo il misfatto, il giovane assassino si accende una sigaretta sul portico, e le azioni di un attimo prima riaffiorano piano piano. Lopez chiama il 911, sputando lacrime di autodenuncia; la polizia trova un lago di sangue insieme ai residui corporei della ragazza.