L'aviere americano Spencer Stone, già noto per aver sventato l'attentato sul treno Thalys, è stato accoltellato durante una rissa. Il fatto è accaduto poco dopo la mezzanotte in California. Stone, insieme ad altri due americani, lo scorso agosto era riuscito ad evitare una carneficina sul treno Amsterdam-Parigi, lanciandosi contro l'attentatore. E a distanza di poco tempo, il 23enne torna a far parlare di sé per essere rimasto coinvolto in una rissa a Sacramento, in California.

La rissa

Il militare della Us Air Force è stato accoltellato e portato subito in ospedale, ma fortunatamente le sue condizioni sono stazionarie e non sembrerebbe in pericolo di vita. Visto quel che era successo precedentemente sul treno Thalys, è venuto spontaneo collegare i due avvenimenti e pensare ad una vendetta premeditata, tuttavia l'ipotesi è stata esclusa totalmente dagli inquirenti.

"Non c'è alcun legame con il terrorismo né con quel che è successo sul treno in Francia", ha avvisato la polizia di Sacramento. Sembra invece che a scatenare il fatto sia stato un banalissimo diverbio trasformatosi in litigio ed infine in colluttazione all'esterno di un pub.

Il militare se l'è vista brutta in quanto è stato ferito più volte all'addome e al torace da un'arma da taglio, molto probabilmente un coltello. Secondo alcuni testimoni presenti sulla scena, i ragazzi quel mercoledì sera avevano bevuto più del dovuto all'interno del locale. Sempre gli stessi hanno affermato che Stone è vivo per miracolo date le profonde e numerose ferite che il militare ha riportato in seguito alla colluttazione.

L'attentato sul treno Amsterdam-Parigi

Lo scorso 22 agosto Spencer Stone si trovava sul treno Thalys Amsterdam-Parigi insieme ad altri passeggeri, tra cui due suoi amici sempre di provenienza americana, Aleksander Skarlatos e Anthony Sadler.

I migliori video del giorno

Quel giorno sul mezzo era presente anche il terrorista di origini marocchine Ayoub El Khazzani. L'uomo stava per sparare sui viaggiatori, ma non è riuscito nell'intento grazie alla prontezza dei tre ragazzi americani che lo hanno placcato.