Arriverebbero dalla Germania le armi usate dai terroristi islamici per gli attacchi del 13 novembre a Parigi. Secondo quanto riferito dal quotidiano "Bild" che cita fonti della procura tedesca, un uomo di 34 anni è stato arrestato a Stoccarda, mercoledì scorso con l'accusa di traffico illegale di armi. Sul suo cellulare sono sarebbero state rinvenute quattro mail che confermerebbero che le armi sarebbero state ordinate ed acquistate online. Si tratta di due kalashnikov AK 47, di produzione cinese, e due prodotti nella ex-jugoslavia comprati il 7 novembre, esattamente sei giorni prima della strage di Parigi. Nei messaggi di posta è stato rinvenuto il riferimento a non specificati acquirenti arabi a Parigi.

Secondo quanto comunicato dalla procura francese si tratterebbe dunque dei fucili d'assalto utilizzati dal commando per sterminare 130 persone nella capitale francese. Un altro tassello che si aggiunge alle indagini per ricostruire il piano del commando.

Salah Abdeslam riesce a fuggire

Da giorni ormai le autorità di tutto il mondo danno la caccia al jihadista Salah Abdeslam, uno degli uomini collegati agli attentati del 13 novembre nella capitale Francese. Il terrorista, stando alle segnalazioni ricevute negli ultimi giorni, sarebbe stato avvistato in parti diverse dell'Europa e, ultimamente, diretto verso la Germania. Ma nonostante tutte le segnalazioni pervenute ai comandi delle forze dell'ordine, il ricercato numero uno Salah Abdeslam, che sembra essersi preso gioco delle forze di polizia europee, è riuscito a far perdere le proprie tracce.

I migliori video del giorno

Mentre non vi è nessuna segnalazione per l'altro uomo ricercato dalla polizia, Mohamed Abrini che, stando a quanto riferito dalle indagini, lo accompagnò a Parigi due giorni prima dell'attentato. Sono molte le domande che girano intorno alla figura di Salah: dove si è rifugiato? è davvero riuscito a scappare? La cintura esplosiva rinvenuta dopo gli attentati di Parigi è realmente di Salah Abdeslam? e se così fosse, perché non la usata per farsi saltare in aria? Aveva forse paura? Nonostante i punti di domanda siano ancora molti, la polizia non si arrende.