Ylenia Maria Sole Carrisi, figlia di due artisti molto conosciuti non solo in Italia come Romina Power e Albano, sparì nel nulla nella notte di capodanno del 31/12/1993 e oggi, proprio quando ormai le speranze di risolvere il "giallo" erano minime, il lavoro del detective americano Dennis Haley ha cambiato le carte in tavola grazie ad alcune brillanti intuizioni investigative. Haley sospetta che sia di Ylenia Carrisi il cadavere di donna trovato nel bosco di Hunt in Florida, uccisa per strangolamento. La vittima subì anche abusi sessuali.

Serial killer

Il responsabile di quel crimine è un volto tristemente noto alle autorità e cioè il killer seriale Keith Hunter Jesperson, oggi 60enne, conosciuto col soprannome "Faccia che sorride" a causa del suo atteggiamento beffardo.

Avere accettato un passaggio da lui, che guidava il camion, potrebbe essere risultato fatale ad Ylenia, che per alcuni testimoni aveva espresso il desiderio di recarsi in Florida per visitarla. Ylenia Carrisi - in America la chiamavano Suzanne - amava viaggiare e confrontarsi con altre realtà. L'America rappresentava una grande possibilità di crescita personale ed è stata verosimilmente questa la molla psicologica che l'ha spinta a compiere questa esperienza, fasciata da uno dei caratteristici abiti a fiori che tanto amava. Ed è proprio il particolare dell'abito che ha influenzato in modo decisivo le indagini di Dennis Haley, in quanto la donna vittima del femminicidio trovata nel bosco di Hunt indossava appunto uno di questi camicioni dai colori accesi che tante volte abbiamo visto indossare anche da parte di Romina Power.

I migliori video del giorno

Dna

Un giornalista inviato della nota trasmissione specializzata "Chi l'ha visto?" ha recentemente intervistato l'investigatore Haley, che ha avuto modo di confermare la ricezione del codice genetico dei genitori di Ylenia e cioè i cantanti Albano e Romina, i quali per il momento non si pronunciano. Anche le caratteristiche della dentatura conducono a Ylenia, che aveva denti in perfette condizioni, ma solo gli esiti del confronto del codice genetico potranno dirci la verità definitiva sul giallo Ylenia Carrisi. Volete restare informati? Cliccate sul pulsante "segui" vicino al nome in alto.