Ecco la notizia che tutti aspettavano: Leandra Romano sta bene e inizia il percorso riabilitativo. La 26enne praticante commercialista era rimasta vittima di un agguato teso da un giovane nolano affetto da "Borderline", una diffusa patologia che genera una fortissima instabilità di carattere. Il brutale assalitore aggredì con un bastone la giovane ragazza che stava rientrando a casa dopo il lavoro, scambiandola per un'altra persona, forse sua sorella. Accusato da diversi testimoni, Pasquale Rubino è ora detenuto nel carcere di Poggioreale. Il giovane, rinchiuso in cella da solo, non ha mai avuto nessun cedimento psicologico, professandosi sin dall'inizio totalmente estraneo ai fatti accaduti.

La spiacevole e brutale vicenda ha sconvolto tutti, a partire dalla comunità agro-nolana che ha pregato affinché Leandra uscisse dal coma. Ricordiamo, infatti, le tante persone accorse alle fiaccolate di Nola e Brusciano, paese della giovane vittima, che si unirono alle parole di pace e solidarietà pronunciate dal Monsignore De Palma.

La ragazza fuori dal coma inizia la riabilitazione

Il primo vero e tangibile segnale della sua ripresa psico-fisica, Lea l'ha dato il giorno dell'Immacolata quando, dopo quasi un mese di coma, ha finalmente riaperto gli occhi. La giovane commercialista assalita i primi di novembre, oggi ricorda tutto. Prima dell'8 dicembre, il quadro clinico della ragazza rimaneva stabile ma pur sempre critico, infatti nessun segnale lasciava presagire ciò che poi è fortunatamente avvenuto.

I migliori video del giorno

Leandra Romano, ricoverata al reparto rianimazione del Secondo Policlinico di Napoli, ha lasciato l'ospedale per incominciare il percorso riabilitativo.

La ripresa è ancora lontana, ma Il trasferimento in una struttura specializzata di Telese per iniziare la riabilitazione, rappresenta una fase importante affinché la ragazza, poco alla volta, possa riappropriarsi della sua vita, che stava per esserle strappata via ingiustamente. A pochi giorni dall'incidente che ha visto un'auto pirata guidata contromano uccidere una persona, arriva una bella notizia che regala un pizzico di gioia e di speranza.