Quasi due anni di lavoro in più prima di poter agguantare la tanto sospirata e desiderata pensione di vecchiaia. Le donne dipendenti del settore privato cominceranno dunque il 2016 così, con la prospettiva di un allungamento dei tempi per il ritiro. Scattano infatti, proprio dal primo gennaio, i cosiddetti 'scaglioni' della riforma Fornero delle pensioni. L'asticella d'uscita dal mercato del lavoro sale dagli attuali sessantatre anni e nove mesi a sessantacinque anni e sette mesi a partire proprio dal prossimo anno. Le lavoratrici autonome potranno prendere l'assegno solo dopo aver compiuto sessantasei anni ed un mese, mentre sono già equiparate agli uomini le dipendenti pubbliche, il cui requisito anagrafico è fissato in sessantasei anni e sette mesi.

La legge di stabilità prevede inoltre la possibilità di uscire dal lavoro anche l'anno prossimo, a patto che abbiano compiuto cinquantasette anni e tre mesi di età entro la fine del 2015 e che abbiano già accumulato trentacinque anni di contributi. Una beffa in più per le signore nate nel 1953, perché nel 2018, se la legge non verrà rivista, si vedranno spostare l'età pensionabile ancora più in avanti.

Novità in arrivo anche per gli uomini, i coefficienti per trasformare i contributi in assegno saranno più bassi 

C'è poi un'altra novità in materia di Pensioni e riguarda i coefficienti che vengono utilizzati per trasformare i contributi in assegno che, stando a quanto previsto dal nuovo provvedimento, saranno più bassi. Gli uomini, ad esempio, sull'importo finale, a parità di età di uscita, perderanno circa l'uno per cento.

I migliori video del giorno

Infine arriva, previsto dalla legge di stabilità, un provvedimento per gli over sessanta del settore privato cui mancano tre anni al pensionamento: potranno dimezzare l'orario lavorativo, ottenere un part-time con uno stipendio ridotto al sessantacinque per cento, ma una pensione che alla fine del triennio non subirà decurtazioni. Secondo quanto specificato dal ministro del lavoro, Giuliano Poletti, 'la misura punta a favorire il ricambio nelle aziende'.