Attentato a Istanbul. Esplosione nel cuore storico e turistico della città, a causa di un attentato kamikaze. Il bilancio è di almeno 10 morti e quindici feriti. L'autore della strage è un kamikaze di soli 28 anni. La notizia è stata confermata dal presidente turco Recep Tayyip Erdogan. Il giovane terrorista si è lasciato esplodere nella centralissima piazza Sultanahmet, una delle aree più frequentate dai turisti e tra le maggiori attrazioni turistiche della città tra l'obelisco di Teodosio e la Moschea Blu. 

"Tra le vittime, possibili numerosi turisti tedeschi"  - riferisce ansiosa la Cancelliera tedesca Angela Merkel.

Pubblicità
Pubblicità

La notizia è stata poi confermata dal Governo turco, secondo il quale almeno 9 vittime sono cittadini tedeschi. Al momento, non è ancora possibile stimare il numero delle vittime e dei danni provocati dall'esplosione. Il consolato tedesco, in stretto contatto con le autorità turche, sta lavorando per chiarire la dinamica dei fatti. 

Chiusa la zona di Sultanahmet, tra la nota Moschea Blu e il Topkapi Palace. A Maltepe, un hotel è stato avvolto dalle fiamme nel quale, secondo quanto riferiscono i media, sono intrappolate alcune persone.

Per verificare la presenza di eventuali turisti italiani, l'Unità di crisi della Farnesina si è subito messa in contatto con il Consolato Generale d'Italia.

Nessuna rivendicazione sull'attentato, al momento. La pista più accreditata resta, comunque, quella dell'Isis, già autori della strage avvenuta ad Ankara lo scorso ottobre, che provocò circa 100 vittime, e quella di luglio a Suruc. L'Unione europea condanna l'attentato avvenuto a Istanbul: "Ancora una volta la Turchia e' stata bersaglio di un attacco terroristico" - dichiara Federica Mogherini, Alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza, insieme al commissario Johannes Hahn.

Pubblicità

Pure il premier Matteo Renzi considera l'attentato una "ferita fortissima a Istanbul", mentre  il premier francese, Manuel Valls, definisce tale tragedia una vera e propria "guerra".

Leggi tutto