Terribile notizia giunge dalla regione Calabria e precisamente dalla provincia di Reggio Calabria. Qui, in seguito ad un duro litigio, una donna è stata uccisa dal marito con un fucile. L'uomo si sarebbe poi costituito e avrebbe confessato il delitto. Una tragedia immane per un banale litigio avvenuto per solite questioni familiari. Le forze dell'ordine sono prontamente intervenute nell'abitazione e infatti sono emersi i primi dettagli sulla triste vicenda.

Pubblicità
Pubblicità

Freddata con fucile calibro 12

Il 22 di febbraio si macchi di sangue nella regione Calabria ed in particolare a Reggio. La regione, ancora scossa per la triste notizia di qualche giorno fa che riguardava una bambina di sette mesi uccisa dalla madre, si trova di nuovo a fare i conti con una tragedia. Stavolta a commettere il delitto è stato un uomo. Il tutto è avvenuto nel piccolo comune pre-aspromontano di Molochio, dove una donna di 55 anni è stata assassinata nella sua abitazione dove si trovava insieme al marito.

Stando agli aggiornamenti che riporta il portale online cn24tv.it, la donna sarebbe stata uccisa dal marito 65enne. Quest'ultimo infatti si è recato in caserma e si è costituito confessando così l'omicidio. Sono state rese note anche le generalità dei due coniugi. La vittima si chiamava Annamaria Luci mentre l'uomo si chiama Salvatore Morabito.

La causa è una comune lite familiare

Il tutto sarebbe stato scatenato dall'ennesima lite che avveniva tra i due.

Pubblicità

Secondo la prima ricostruzione degli inquirenti infatti, tra i due sarebbe nato l'ennesimo litigio per motivi familiari. L'uomo stufo ed esausto avrebbe così estratto l'arma e avrebbe freddato la moglie. L'oggetto del delitto è un fucile calibro 12 caricato a pallini. L'arma inoltre era legalmente detenuta dall'uomo. Ulteriori dettagli sulla triste e orrenda vicenda emergeranno nelle prossime ore in seguito alle future ricostruzioni degli inquirenti.

Intanto i cittadini del comune si stringono al dolore della famiglia della vittima e non riescono a rassegnarsi a quanto accaduto. In attesa di saperne di più vi invitiamo a cliccare sul tasto Segui in alto.

Leggi tutto