Annuncio
Annuncio

Keith Emerson, fondatore e tastierista del gruppo 'Emerson, Lake and Palmer', si è suicidato sparandosi un colpo di pistola alla testa. Dotato di un eccezionale virtuosismo tecnico, con cui fondeva il repertorio rock con il classico, è stato uno dei primi tastieristi a usare il Moog, uno dei più popolari e diffusi sintetizzatori della storia. Insieme a Carl Palmer e Greg Lake, il famosissimo tastierista aveva fondato gli EL&P, un magnifico trio rimasto nella storia della musica attraverso inni generazionali, come ad esempio il brano 'Lucky Man'. È stata la stessa band a dare il triste annuncio attraverso il loro profilo su Facebook.

Il primo album fu 'Emerson, Lake & Palmer' edito nel 1970

Il trio si formò proprio nel 1970, raggiungendo in breve tempo la celebrità insieme agli altri gruppi di quel tempo.

Advertisement

Era un'epoca in cui il rock prendeva spunti sonori dalla musica classica e dal jazz, capovolgendosi attraverso nuovi suoni, rispetto a quello diretto e primordiale delle prime stagioni. Gli anni del loro trionfo coincidono con la formazione di un trio stellare, insieme a Greg Lake, cantante e bassista ex membro dei King Crimson, e il batterista Carl Palmer, che in precedenza suonava negli Atomic Rooster. Ebbero un successo mondiale fin dal loro primo album: 'Lucky Man' per esempio, è ancora ricordato per un lunghissimo assolo di uno dei più diffusi e popolari sintetizzatori della storia, il Moog. 'Brain Salad Surgery', 'Tarkus', 'Trilogy', 'Pictures at an Exibition', sono i più importanti titoli di questo gruppo ancora oggi molto amato, e non solo dagli appartenenti alla generazione di quell'epoca.

Advertisement
I migliori video del giorno

Dal vivo ogni concerto degli EL&P era spettacolare

Dietro una batteria enorme (come si usava allora) suonava Carl Palmer; Emerson si esibiva sul palco scuotendo i lunghi capelli biondi e maltrattando con foga un muro fatto di tastiere. A lungo andare, furono eccessi musicali di questo tipo a generare la furia del Punk. Una volta conclusa l'esperienza con gli 'Emerson, Lake and Palmer', pur subendo una battuta d'arresto della sua popolarità, ebbe comunque un successo clamoroso da solista con 'Honky Tonk Train Blues', scelto in seguito come sigla per 'Odeon', un programma televisivo italiano di fine anni Settanta; inoltre, nel 1980 scrisse la colonna sonora di un celebre film di Dario Argento, 'Inferno'.

Il grandissimo e compianto musicista era malato

A causa di una patologia alla mano destra, negli ultimi anni era stato costretto a rallentare la sua attività artistica dopo una lunga carriera; una situazione in progressivo peggioramento che lo costringeva a usare solo otto dita. Forse è questo il motivo della sua depressione che l'ha poi spinto verso il suicidio.

Lascia un vuoto non solo in parenti, ex colleghi e amici, ma anche nei suoi innumerevoli fan che hanno postato messaggi di cordoglio sul web, E la conferma della morte di Keith Emerson arriva proprio da Facebook, attraverso il profilo della band che ha chiesto 'rispetto per il dolore che ha colpito la famiglia e per la loro privacy'.