Terribile notizia giunge dalla regione Sicilia dove una tragedia era alle porte. La regione è attraversata da una forte ondata di maltempo, che in realtà sta flagellando gran parte della penisola. A causa delle forti raffiche di vento, due grossi alberi sono rovinosamente caduti al suolo abbattendosi contro quattro vetture. A comunicare il tutto è una nota del presidente della V Circoscrizione, Santino Morabito. Per fortuna non si registrano vittime, ma solo il fato ha voluto che qualcuno non rimanesse ferito dai grossi pini.

Pubblicità

Una tragedia quasi alle porte

Il tutto è avvenuto nella mattinata del 7 marzo nella provincia di Messina. Il vento e la pioggia hanno flagellato la città per tutta la notte e verso le quattro di questa mattina due grossi alberi si sono schiantati al suolo in via Monte Scuderi. La tragedia stava dunque per avvenire nel rione Giostra. Se il tutto fosse avvenuto qualche ora più in là, qualche passante sarebbe senza dubbio stato colpito. Già dalle ore sette e trenta infatti la piazza è attraversata da anziani, studenti che si recano a scuola e da persone che si recano al posto di lavoro.

La V Circoscrizione aveva più volte sollecitato la potatura dei due pini. I grandi rami infatti avevano portato i pini a sbilanciarsi su un lato per cui lo schianto era, prima o poi, inevitabile. Il sopralluogo da parte dell'amministrazione comunale si attendeva da giovedì scorso. Sempre secondo quanto riporta la nota, adesso iniziano le varie proteste della popolazione e le varie richieste di risarcimento. Le quattro vetture colpite dagli alberi infatti sono ormai irriconoscibili.

Il maltempo sta imperversando in queste ore in tutto il sud e anche nella regione Calabria dove si registrano forti nevicate, pioggia e raffiche di vento.

Pubblicità
I migliori video del giorno

Anche qui la situazione non è delle migliori. Qualche giorno fa infatti un uomo era rimasto ferito a causa del crollo di una scossalina. Sperando che non si registrino più eventi del genere vi ricordiamo che la situazione meteo è monitorata costantemente dalla Protezione Civile.