Accade a Bologna, più precisamente nei pressi di Calcara di Crespellano. La ragazza, Ana Maria Ahmeti di venticinque anni, è morta sul colpo dopo che la sua automobile si è più volte ribaltata dopo aver toccato il guardrail. A testimoniare quanto accaduto è stato proprio il telefonino della giovane, ritrovato dai soccorritori all'interno della vettura ormai ridotta ad un rottame. Nello Smartphone era presente un video, registrato evidentemente dalla stessa Ana Maria alcuni minuti prima dell'incidente, che inquadrava la strada buia, il contachilometri che andava oltre i centosettanta chilometri orari e poi nuovamente la strada buia, interrompendosi poi di colpo. 

Il telefonino ed il video

Un video che, con molta probabilità, sarebbe servito per farle guadagnare qualche "like" e qualche apprezzamento sui social, o che la stessa Ana Maria Ahmeti avrebbe voluto mostrare alle proprie amiche ed ai propri amici.

Una ripresa che non potrà vedere nessuno, se non gli stessi soccorritori che l'hanno tirata fuori dalle macerie e le forze dell'ordine che la utilizzeranno come prova inconfutabile di quanto accaduto. Una bravata che le è costata cara, strappando via la vita di una ragazza appena venticinquenne che stava viaggiando verso Varese per incontrarsi con i suoi cari genitori che l'hanno attesa invano per ore ed ore. Una notizia straziante per loro e per tutti gli amici della ragazza, ma anche per il giovane con il quale conviveva ormai da tempo. Un incidente causato da quegli smartphone che al giorno d'oggi sembrano essere una risorsa di vitale importanza e che, molto spesso, portano a situazioni di pericolo e di morte. Un avvenimento che dovrebbe far riflettere molti giovani, nella speranza che possano mettere da parte quell'apparecchio elettronico almeno per un po', giusto il tempo di tornare a casa o di raggiungere la meta prestabilita prima di salire in macchina e mettersi alla guida.

I migliori video del giorno

Guidare con prudenza, rispettando i limiti di velocità e, soprattutto, stare concentrati senza osservare lo schermo freddo di uno smartphone.