Altra stangata al Clan Lo Russo di Miano, dopo i recenti fatti di cronaca che hanno colpito le zone di Miano ed i quartieri limitrofi, proprio come riportato da Cronache della Campania, arrivano 6 condanne eccellenti tra cui 3 appartenenti al clan dei Capitoni di Miano. I fatti risalgono ad alcuni omicidi effettuati ad Ercolano unitamente ad appartenenti del clan Birra Iacomino e dove i killer dei Lo Russo sarebbero stati "prestati" per fare un favore al clan vesuviano, per cui a quei tempi vigeva un'alleanza tra i sodalizi criminali. 

Ergastolo per il clan Birra iacomino e per i Lo Russo

Furono richiesti dal Pm ed oggi il giudice ha accettato pienamente la richiesta della pena presentata.

Sono 6 ergastoli, 72 anni di carcere per gli affiliati del clan ed un'assoluzione, le condanne inflitte ed inerenti alla faida di Ercolano che vedeva contrapposti i Birra Iacomino contro i clan degli Ascione - Papale. Accusati e condannati a vario titolo per l'esecuzione di ben 4 omicidi effettuati nelle zone del vesuviano. Nomi eccellenti tra le condanne inflitte, condannati all'ergastolo sono Giovanni Birra, Stefano Zeno, Giacomo Zeno del clan Birra Iacomino, mentre nelle fila del clan Lo Russo sono sono stati condannati all'ergastolo Raffaele Perfetto, Vincenzo Bonavolontà e Carlo Serrano. Per Antonio Birra, fratello di Giovanni, la condanna è di 12 anni, quest'ultimo è attualmente collaboratore di giustizia da circa 3 mesi, e con molta probabilità la sua collaborazione con lo Stato sarebbe servita agli inquirenti nella ricostruzione dei gravi fatti di cronaca messi a segno durate la vecchia faida di Ercolano.

I migliori video del giorno

Tra le condanne, oltre i 72 anni per gli associati al sodalizio criminale, arriva l'assoluzione per non aver commesso il fatto, nei confronti di Felice Saccone.

Omicidi della faida ricostruiti grazie alla collaborazione dei pentiti

Gli omicidi inerenti alle condanne inflitte sarebbero 4 ed a confermare le dinamiche degli agguati sarebbero stati i collaboratori di giustizia Ciro Savino, Giovanni Savino, Giuseppe Savino e Gerardo Sannino. Gli omicidi per cui sono state inflitte le condanne, sono gli agguati effettuati nei confronti di Lucio Di Giovanni, Raffaele Di Grazia, Raffaele Borrelli e Giuliano Cioffi.