Alle ore 7.41 una fortissima scossa di terremoto di magnitudo 6.5 ha terrorizzato nuovamente il Centro italia.

L'epicentro del sisma sarebbe circoscritto tra i comuni di Norcia, Preci e Castel Sant'Angelo sul Nera. Secondo l’Istituto Nazionale di Geofisica il Terremoto è stato a 10 chilometri di profondità ed ha generato grandissima paura in quasi tutta Italia. Il sisma è stato avvertito quindi da Bolzano fino addirittura in Puglia.

Numerosi sono i crolli e non ancora è possibile sapere se ci siano delle vittime. Al momento i Vigili del Fuoco sono già al lavoro per verificare tutto.

Si è trattato di una scossa lunghissima, la gente si è immediatamente riversata nelle strade.

Lo sciame sismico continua e potrebbe continuare ancora per molto tempo. Immediatamente dopo alla prima scossa,se ne sono verificate altre due ed entrambe di magnitudo superiore a 4.0, rispettivamente alle 7.44 ed alle 8.00.

Dunque è iniziata la conta dei danni, a Norcia sono crollate la basilica di San Benedetto e la cattedrale di Santa Maria argentea.Invece adAmatrice sono crollate la torre civica e la chiesa di Sant'Agostino.

Numerosissimi crolli anche nelle Marche, dove il Capo della Protezione Civile, Cesare Spuri, ha detto:"Questa è stata una scossa molto forte. Ci segnalano crolli a Muccia, Tolentino, in tutto l'entroterra Maceratese, stiamo cercando di capire se ci sono persone sotto le macerie.

La scossa è stata molto forte anche ad Ancona".

Hanno parlato anche alcuni sindaci delle città coinvolte,Sante Stangoni, sindaco di Acquasanta Terme, ha detto: "Ho molti crolli nelle frazioni, speriamo che non ci sia nessuno sotto le macerie". InvecePietro Bellini, primo cittadino di Preci, ha detto: "La mattina la gente torna nelle abitazioni per prendere le cose che gli servono.

Stiamo verificando che nessuno sia stato colpito", ha detto. Bellini ha parlato di "crolli, anche di chiese, nelle frazioni e negli altri centri minori di Preci".

Il terrore dunque invade tutta Italia, purtroppo pare che non finirà qui.

Segui la pagina Terremoto
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!