Continua il processo nei confronti del militare Giosuè Ruotolo (27 anni) indagato per il duplice omicidio di Trifone Ragone (28 al momento della morte) e Teresa Costanza (30 al momento della morte). Il fattaccio, conosciuto come il "Delitto di Pordenone", avvenne il 17 Marzo 2015. I due fidanzati vennero uccisi con sei colpi di pistola nella loro auto presso il parcheggio della palestra da loro frequentata. L'altro ieri c'è stata la seconda  udienza, che ha visto Ruotolo di nuovo al centro dell'attenzione. Sono state mostrate in tale occasione, alcune immagini dei corpi dei due fidanzati. Il viso di Teresa giaceva su un finestrino della macchina, i capelli biondi erano intrisi del suo stesso sangue.

Il volto di Trifone era invece irriconoscibile, ridotto ad una maschera di sangue. 

La testimonianza di Cinzia Rossetti

Cinzia Rossetti, originaria di Porcia, è la maestra di yoga che per prima scoprì i corpi senza vita di Teresa Costanza e Trifone Ragone. La Rossetti è la prima testimone nel processo nei confronti dell'accusato Giosuè Ruotolo, amico e collega del Ragone. Ella è stata inoltre la prima persona ad aver menzionato orari precisi ed a ricordare alcune persone che erano presenti quella sera nei pressi del palasport, poco dopo il duplice omicidio. L'istruttrice di yoga ha dichiarato che anche la sua auto era parcheggiata nelle vicinanze della palestra, proprio accanto a quella dei due fidanzati. Inizialmente, Cinzia pensava che nell'autovettura ci fossero due persone appartatesi.

I migliori video del giorno

Tuttavia, c'era una cosa che non tornava: la portiera, quella al lato del passeggero, era stranamente aperta. Questo impediva alla Rossetti di poter salire in macchina e mettersi al volante.

Cinzia ha continuato il suo racconto, affermando di aver udito degli scricchiolii sotto le sue scarpe, ma che non si trattava di sassolini. La donna si avvicinò così all'auto di Teresa e Trifone, per poter chiedere loro di chiudere la portiera; ecco che in quel momento, notò la gamba del giovane. Facendo il giro della vettura, la maestra di yoga fece la terribile scoperta: Teresa poggiata col viso al finestrino, e Trifone ridotto ad una maschera di sangue. Per aggiornamenti su questo ed altri fatti di cronaca, cliccate Segui